Tenta di uccidersi dopo lite con il compagno, salvata da un negoziatore dei carabinieri: «Così l'ho convinta a non suicidarsi»

Il racconto: «Mi sono avvicinato a lei tentando di stabilire un dialogo, ma la donna avanzava sempre più rapidamente verso l'acqua alta»

Tenta di uccidersi dopo lite con il compagno, salvata da un negoziatore dei carabinieri: «Così l'ho convinta a non suicidarsi»
di Marco Cusumano
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2022, 11:43 - Ultimo aggiornamento: 12:02

Una lunga conversazione, oltre 50 minuti, per stabilire un rapporto di fiducia e poi riuscire a raggiungere l'obiettivo: salvare la vita a una persona che stava per suicidarsi. E' accaduto l'altra sera sul lungomare di Scauri, una storia a lieto fine sicuramente non per caso ma soltanto grazie alla professionalità di un negoziatore dei carabinieri, specializzato in questo genere di interventi.

Elvira Zibra, uccisa da una moto che stava impennando: l'incidente in un video choc, scaraventata per 20 metri

Lui si chiama Michael Monnanni e da pochi mesi è al comando della stazione di Scauri. L'altra sera, quando è arrivata la chiamata ai carabinieri da alcuni passanti, Monnanni è intervenuto insieme al suo collega senza immaginare che la sua specifica abilità di negoziatore sarebbe stata determinante. «Siamo arrivati al lungomare - racconta il maresciallo maggiore - perché una donna di 35 anni, in stato di alterazione, minacciava il suicidio dopo un litigio con il compagno. Mi sono avvicinato a lei tentando di stabilire un dialogo, ma la donna, man mano che mi avvicinavo, avanzava sempre più rapidamente verso l'acqua alta minacciando il suicidio e immergendo la testa in mare».

LA SCELTA
Monnanni ha capito che un salvataggio fisico sarebbe stato complicatissimo considerando la distanza e le condizioni. Così ha deciso di puntare su un altro tipo di salvataggio, il convincimento, attraverso un dialogo personale. Così è iniziato un confronto durato quasi un'ora.

«Abbiamo parlato di tanti argomenti - racconta il militare - in particolare della condizione personale della donna, la voglia di tornare in Romania, i problemi che è costretta ad affrontare qui in Italia, il rapporto con il suo compagno. Un dialogo intenso che alla fine ha portato al risultato».
Mentre il militare parlava con la donna, i suoi colleghi hanno rintracciato il compagno e, soltanto quando lei lo ha chiesto, l'uomo si è avvicinato alla riva.

«A quel punto - racconta il maresciallo maggiore - la donna ha deciso di uscire dall'acqua, si è avvicinata al compagno, le abbiamo dato un asciugamano e ci siamo assicurati che stesse in buone condizioni attivando anche il soccorso del 118. I sanitari sono intervenuti ma lei per fortuna stava bene e non è stato necessario nessun passaggio successivo. Prima di andare via ci ha ringraziato e noi le abbiamo detto che sarà nostra cura attivare i percorsi necessari di assistenza per aiutarla a superare il suo disagio».
Un lieto fine costruito soprattutto grazie alla preparazione specifica del carabiniere negoziatore. «In questo caso sono intervenuto per l'emergenza - racconta - ma la mia preparazione è stata di certo un valore aggiunto, anche se del tutto casuale. Sono qui da pochi mesi, ma in passato ho avuto modo di gestire situazioni simili in diverse circostanze e in altri luoghi». Una coincidenza che, in una serata di fine estate a Scauri, ha permesso di salvare una giovane vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA