COVID

Scauri, scarcerato per emergenza Covid minaccia la moglie di morte: arrestato

Martedì 2 Giugno 2020 di Giuseppe Mallozzi
Aveva beneficiato della scarcerazione in seguito all'emergenza sanitario del Covid-19, godendo della misura meno restrittiva degli arresti domiciliari ma è tornato in carcere perché ha perseguitato la propria compagna, arrivando addirittura a puntarle un coltello alla gola minacciandola di ucciderla. A finire in manette, per l'ennesima volta, è stato un 59enne che è stato prelevato dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Formia per i reati di atti persecutori e maltrattamenti in famiglia. L'uomo era tornato da qualche settimana a casa dal carcere di Cassino, dove si trovava a scontare gli arresti per precedenti inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti.

A causa della pandemia del Coronavirus, il 59enne ha beneficiato della scarcerazione anticipata, così come è accaduto anche per diversi boss di mafia e camorra, al fine di contemperare precise esigenze di salute in grado di divenire ulteriormente delicate per via del Covid-19. Solo che una volta ricongiuntosi con la propria convivente, godendosi il piacere di restare in un ambiente familiare piuttosto che in cella, è stato colto dalla rabbia. Secondo i racconti della donna forniti agli uomini dell'Arma diretti dal Maggiore David Pirrera e dal Tenente Massimo Milano, il comportamento iracondo dell'uomo era piuttosto frequente e le aveva provocato stati di ansia e turbamenti per la propria incolumità.

Fino a domenica scorsa, quando ha richiesto l'intervento dei carabinieri attraverso una chiamata sull'utenza 11. In seguito a una discussione nata per futili motivi, il 59enne aveva aggredito la propria compagna, minacciandola di morte e arrivando a puntarle alla gola un coltello a serramanico, della lunghezza di 15 centimetri. Minacce continue di ucciderla, ogni giorno sempre le stesse scene, secondo quanto riferito dalla donna, che ormai esasperata e terrorizzata ha allertato i militari che sono intervenuti prima che potesse accadere il peggio. Per l'uomo sono scattate le manette ai polsi per i reati di atti persecutori e maltrattamenti in famiglia ed è stato portato in carcere a Cassino. Ultimo aggiornamento: 09:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA