Sant'Anastasia si prepara all'estate: nuova piazza e giochi di luce sul ponte

Lunedì 11 Marzo 2019 di Barbara Savodini
Sono pronte le località balneari pontine per la prova costume? Ce la sta mettendo tutta il Comune di Fondi per rimettersi in forma e fare bella figura.

In queste ultime settimane i riflettori sono tutti puntati su Sant’Anastasia la cui piazza, riqualificata poco più di dieci anni fa, tra vandali, agenti atmosferici, mareggiate e salsedine, era ridotta davvero male. Il tratto compreso tra il camping che porta il nome della località e il ponte attualmente è tutto un cantiere ma, stando a quanto riferito dall’ufficio tecnico del Comune di Fondi, i lavori dovrebbero essere finiti prima dell’inizio dell'estate. Ambizioso ma anche di grande impatto, almeno sulla carta, il progetto: tutte le assi di legno divelte e pericolose sono state rimosse per lasciare spazio ad una pavimentazione in cemento effetto legno.

Il colpo d’occhio, insomma, sarà uguale se non migliore di quello ottenuto alla consegna del precedente intervento di ristrutturazione ma, questa volta, i materiali utilizzati promettono una lunghissima durata. La nuova piazza sarà quindi bella da vedere ma anche a prova di vandali ed eventi atmosferici straordinari. Il ponte, attualmente in condizioni fatiscenti e servito da un ascensore per disabili fuori uso praticamente da sempre, sarà riqualificato e valorizzato con giochi di luce ed effetti ottici. Un vero e proprio spettacolo per le sere di mezza estate che potrebbe dare nuovo vigore al turismo balneare. Un sogno per gli operatori del settore, per troppo tempo rimasti a guardare i progressi delle due località turistiche vicine, Terracina e Sperlonga, entrambe insignite con la Bandiera Blu.

Infrastrutture e ambiente perfettamente armonizzati, dunque, ma anche risparmio energetico: il nuovo impianto di illuminazione sarà infatti alimentato da piccoli ma efficienti pannelli fotovoltaici. Ed è proprio sfruttando queste due leve che il Comune di Fondi è riuscito ad avere accesso ad un bando regionale tale da coprire quasi interamente il costo dell’opera che si aggira attorno ai 300mila euro.

Dopo Tumulito, progetto concluso lo scorso anno, e Sant’Anastasia, progetto in corso, resta la zona di Torre Canneto: un tratto di litorale di confine, purtroppo messo all’angolino sia da Fondi che da Terracina. Anche su questo fronte, però, sembra che qualcosa si stia per muovere.

L'estate, ad ogni modo, non è solo mare: lo sa bene il Comune di Lenola, da sempre meta di un turista insofferente al gran caldo e alla calca estiva. Non vuole farsi cogliere impreparato il sindaco Fernando Magnafico che, dopo aver aderito al progetto "Terre di Confine", per l'inserimento della città nei flussi turistici, sta lavorando con l'intera amministrazione ad un bando regionale per:
  • la pavimentazione del centro storico
  • l'installazione di un nuovo sistema di illuminazione a led
  • la sostituzione degli arredi urbani
  • l'attivazione del wifi pubblico
Già ai blocchi di partenza, invece, i lavori per la fibra ottica.

Chi si muoverà dal litorale per raggiungere Lenola, però, non troverà soltanto aria fresca, panchine più comode e buon cibo ma anche eventi a misura di giovane e operatori turistici in grado di fare rete.

Il fulcro della movida? Oltre ai classici punti di aggregazione, come piazze, pineta e cuore storico, anche Il centro studi "Renato Ingrao" © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma