Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Felice Circeo: recuperata questa mattina dal mare un'ancora antica del VI secolo a.C.

San Felice Circeo: recuperata questa mattina dal mare un'ancora antica del VI secolo a.C.
di Ebe Pierini
1 Minuto di Lettura
Martedì 1 Agosto 2017, 17:09 - Ultimo aggiornamento: 17:10

É stata riportata alla luce questa mattina l'antica ancora in pietra di oltre due metri di lunghezza e 40 centimetri di larghezza che potrebbe risalire al VI secolo a.C., che era stata ritrovata lo scorso 20 luglio nelle acque antistanti la costa di San Felice Circeo. A ritrovarla è stato il giornalista e scrittore Umberto Natoli, appassionato di archeologia subacquea e autore di altre scoperte nella zona. Presenta al centro una scanalatura trasversale con due fori ai margini serviti presumibilmente per alloggiare e legare la barra trasversale in legno per il governo dell’ancora. Della scoperta era stata informata la Capitaneria di Porto che ha notificato a sua volta la notizia alle altre autorità competenti attivando le misure di tutela e sorveglianza del sito con interdizione della zona alle immersioni nel raggio di duecento metri. Un sub si è immerso per imbracare l'ancora che poi è stata sollevata grazie ad una piccola gru. Il reperto archeologico è ora nella disponibilità del Comune per le operazioni preliminari al trattamento e per la successiva custodia ed esposizione al pubblico previa autorizzazione della Soprintendenza.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA