Ricercata da otto anni si nascondeva
a Bagni di Tivoli: presa a Fiumicino

Mariana Pasare, 57 anni, arrestata
2 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Settembre 2015, 18:07 - Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 16:07

LATINA - L'hanno arrestata gli investigatori della III sezione “Reati contro il patrimonio” della Squadra mobile di Latina. Mariana Pasare, romena, 57 anni. era latitante da otto anni, dal 2008.

La donna in passato era già stata sottoposta ad indagine dalla Mobile di Latina nel 1991, in quanto facente parte di un’associazione per delinquere transazionale, finalizzata alla truffa, al riciclaggio, allo sfruttamento della prostituzione e alla realizzazione di documenti falsi. Per questi reati era stata condannata a otto anni di carcere.

All’epoca dei fatti, nel corso delle operazioni di perquisizioni, effettuate a Borgo Sabotino, dove la Pasare abitava, furono rinvenuti 54 documenti di identità e passaporti di varie nazionalità, 28 carte di credito emesse da istituti nazionali e stranieri, 50 assegni turistici (travel cheques), targhe di autoveicoli, punzonatrici, 13 timbri a secco di varie autorità nazionali ed estere e attrezzatura per la falsificazione di documenti; 73.150 dollari Usa, 350 moduli di carte di identità in bianco di cui 210 italiane, 70 francesi, 61 tedesche e rimanenti belghe; 15 passaporti varie nazionalità di cui parte in bianco; 3 autovetture Mercedes di grossa cilindrata.

Negli anni successivi Mariana Pasare si era procurata una nuova identità, nascondendosi nei dintorni di Roma e precisamente a Bagni di Tivoli, dove conduceva una vita tranquilla, dedicandosi ai propri nipoti.

All’alba di ieri, la romena è stata bloccata all’aeroporto di Fiumicino mentre accompagnava alcuni parenti intenti a ritornare in Romania.

Nel momento in cui è stata controllata dagli investigatori della Squadra mobile coordinati dal vicequestore Tommaso Niglio, la Pasare è stata trovata in possesso di documenti recanti l’identità di Mariana Mircu.

Un'indagine complessa, quella svolta dalla Mobile di Latina e seguita da vicino dal questore Giuseppe De Matteis.

Arrestata è stata rinchiusa nella casa circondariale di Rebibbia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA