Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Raggiravano il fisco con le imprese di pulizie, sequestrati beni per oltre 7 milioni

Raggiravano il fisco con le imprese di pulizie, sequestrati beni per oltre 7 milioni
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Dicembre 2021, 08:52 - Ultimo aggiornamento: 08:54

Sequestro anche a Latina di beni mobili e immobili, quote societarie e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 7,3 milioni di euro, nel corso di un'operazione della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Roma. Cinque le persone indagate   per i reati di dichiarazione infedele, omessa dichiarazione e occultamento/distruzione di scritture e documenti contabili.

Il provvedimento cautelare, emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Velletri, è frutto di   indagini delle Fiamme Gialle della Compagnia di Pomezia, coordinate dal II Gruppo di Ostia, scattate a seguito di 5 verifiche fiscali nei confronti di altrettante cooperative operanti a livello nazionale nel settore delle pulizie. Formalmente intestate a “prestanome” e sistematicamente inadempienti rispetto agli obblighi dichiarativi, le società erano in realtà riconducibili a un sodalizio che ne pilotava il fallimento dopo averle spogliate dei rami di azienda, dei contratti e del personale alle dipendenze, che venivano artatamente trasferiti a soggetti giuridici di nuova costituzione, facenti capo ai promotori della frode. 

Oltre a Latina il sequestro è stato eseguito a Pomezia (Roma), Roma  ed Ercolano (Napoli). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA