Raccolta di sangue a Terracina, scattano i controlli. L'associazione: «Siamo autorizzati, tutto in regola»

Mercoledì 2 Settembre 2020
La raccolta in corso a Terracina

Una raccolta di sangue straordinaria, programmata presso la sede Siae e poi spostata nei pressi di una palestra, a Terracina. A organizzarla l'Associazione Ads Lazio che però non è stata autorizzata alla raccolta. Né dal centro trasfusionale della Asl di Latina, né dalla Regione Lazio, tanto che sono stati inviati controlli nella zona dove si sta svolgendo l'iniziativa. 

La stessa azienda sanitaria si è rivolta alle forze dell'ordine affinché si possa chiarire meglio come si sta svolgendo la raccolta. 

Non si è fatta attendere la replica dell'associazione «titolare dell’accreditamento regionale e firmataria di apposita convenzione con l’Ospedale Sandro Pertini - si legge in una nota -   debitamente autorizzata alla raccolta dal Direttore del Servizio Trasfusionale dello stesso Ospedale Sandro Pertini, unico soggetto competente ad assentire l’attività di raccolta in base alla normativa nazionale e regionale in materia».

Nella stessa lettera si fa riferimento a «pressioni che l’Associazione aveva ricevuto nei giorni scorsi da parte di soggetti pubblici e privati non aventi alcuna competenza al riguardo» dopo le quali Ads «ha comunicato anche al   Centro Regionale Sangue che avrebbe effettuato la raccolta nella giornata del 2 settembre 2020 e il Presidente – ancorché, come detto, non fosse necessario – si è espresso favorevolmente sulla raccolta, in nome del condiviso obiettivo di assicurare la maggiore raccolta di sangue, oltremodo necessaria in una Regione come il Lazio che non raggiunge l’autosufficienza e tanto più in un periodo storico di emergenza epidemiologica come quello attuale. A ogni modo, i controlli delle Forze dell’Ordine   che sono sempre ben accetti e doverosi, ma che hanno interrotto e limitato la raccolta, hanno appurato la legittimità dell’operato dell’Associazione, tanto è vero che, al termine dei controlli, le operazioni di raccolta sono state riavviate; circostanza che avrebbe dovuto essere riferita».

Vedi anche > Coronavirus, anche al "Goretti" la terapia con il plasma dei pazienti guariti

Ultimo aggiornamento: 18:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA