Prostituzione: saranno processati due tassisti che accompagnavano le ragazze al night club

Prostituzione: saranno processati due tassisti che accompagnavano le ragazze al night club
di Marina Mingarelli
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Agosto 2022, 11:17

Sono stati soprannominati i tassisti dell'amore i due ciociari coinvolti in una operazione dedita a contrastare lo sfruttamento della prostituzione all'interno di un club privée di Monte San Biagio in provincia di Latina. Si tratta di A.B. 42 anni residente a Ferentino e A.M. 63 anni di Pontecorvo, accusati di reperire ragazze straniere da mettere a disposizione dei clienti del locale.

Il loro compito sarebbe stato quello di accompagnarle la sera nella cittadina pontina dove ad attenderle c'era il gestore del night che poi dava indicazioni su come comportarsi nel privée. In questa vicenda è finito nel mirino della magistratura anche il titolare del locale, il suo uomo di fiducia e due escort che davanti al magistrato inquirente avrebbero cercato di insabbiare le indagini dichiarando il falso.

A puntare l'indice sui due tassisti dell'amore tre ragazze romene che una volta in Italia erano state avviate all'attività di meretricio. Sono state proprio loro a denunciare ai carabinieri di essere state costrette ad avere rapporti sessuali con i clienti. Questi ultimi secondo quanto emerso dall'inchiesta pattuivano il prezzo da pagare con il proprietario del locale. Subito dopo quelle denunce erano scattati i pedinamenti e le intercettazioni telefoniche.

Quando gli investigatori hanno avuto in mano tutti gli elementi necessari hanno fatto scattare il blitz all'interno di quella che i clienti definivano la loro oasi felice. I due ciociari che sono difesi uno dall'avvocato Giuseppe Spaziani e l'altro dall'avvocato Mariano Giuliano del foro di Cassino hanno respinto ogni addebito sostenendo di non sapere quello che avveniva all'interno di quel locale. Entrambi sono finiti sotto processo con decreto di giudizio immediato per favoreggiamento della prostituzione. Prima udienza a dicembre al tribunale di Latina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA