Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Prenotabile il calendario della Polizia 2022, ricavato devoluto all'Unicef

Prenotabile il calendario della Polizia 2022, ricavato devoluto all'Unicef
2 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Agosto 2021, 10:55

E' possibile prenotare il calendario della Polizia di Stato 2022 che racconterà l’attività operativa delle donne e degli uomini della Polizia di Stato al servizio della comunità in un modo diverso: le fotografie che accompagnano i mesi sono state infatti scattate da 12 poliziotti che hanno così coniugato passione professionale e sensibilità estetica.

Anche quest’anno la realizzazione del calendario ha trovato la partnership di Unicef. La vendita dell’ultimo calendario ha permesso di devolvere quasi   200.000 euro  al progetto volto a fronteggiare le situazioni di disagio minorile conseguenti all’emergenza da Covid 19.

Per il 2022 il ricavato della vendita sosterrà il progetto “Covax per un accesso equo e globale ai vaccini” che consentirà di estendere la campagna vaccinale ai bambini dei paesi più poveri. Una quota, come di consueto, sarà devoluta al Piano di assistenza “Marco Valerio”, riservato ai figli dei dipendenti della Polizia di Stato affetti da patologie croniche.

Chiunque potrà prenotare il calendario da parete (costo 8 euro) e il calendario da tavolo (costo 6 euro), entro  il  21 settembre,facendo un versamento sul conto corrente postale nr. 745000, intestato a “ Comitato Italiano per l’Unicef”. Sul bollettino dovrà essere indicata la causale “Calendario della Polizia di Stato 2022”. Copia dell’attestazione di versamento dovrà poi essere presentata all’ufficio relazioni con il pubblico della Questura di Latina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA