Ponza, cercasi influencer per rilanciare il turismo: nessun compenso ma vitto e alloggio gratis

Nei giorni scorsi la giunta del sindaco Francesco Ambrosino ha approvato il progetto "L'isola delle idee" che prevede la selezione di cinque professionisti

Ponza, cercasi influencer per rilanciare il turismo: nessun compenso ma vitto e alloggio gratis
di Rita Cammarone
4 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Settembre 2022, 07:27 - Ultimo aggiornamento: 07:30

Ponza si mette in mostra con un'operazione di marketing territoriale. L'amministrazione comunale è a caccia di blogger e influencer per la realizzazione di una campagna di promozione turistica dell'isola lunata, meta estiva di moltissimi romani. Nei giorni scorsi, la giunta del sindaco Francesco Ambrosino ha approvato il progetto L'isola delle idee.
Si tratta di un'iniziativa a costo zero per l'ente, o quasi, che prevede la selezione di cinque professionisti, tra esperti nel settore del turismo, blogger, giornalisti e/o influencer interessati a realizzare un prodotto digitale sulle potenzialità di Ponza, raccontando sui social le loro esperienze vissute, condividendo impressioni e riflessioni del viaggio alla scoperta dell'isola.

Madonna in Sicilia, Charlize Theron a Roma, Zoe Kravitz a Ponza: le superstar scelgono l'Italia per le vacanze


IL PROGETTO
«L'idea ha spiegato il sindaco Ambrosino - è finalizzata a rafforzare e valorizzare il territorio isolano. La selezione avviene attraverso una manifestazione di interesse. I professionisti selezionati non saranno destinatari di alcun compenso per le attività promozionali che svolgeranno durante il soggiorno. Il Comune sosterrà soltanto le spese di ospitalità, dal 16 al 18 settembre prossimi, nella due giorni di permanenza a Ponza.

 


I PRECEDENTI
Un esperimento già testato in provincia di Latina, con #UlisseExperience, il viaggio organizzato il 22 agosto scorso tra le bellezze del Parco regionale Riviera d'Ulisse. La presidente dell'ente Carmela Cassetta si è affidata all'associazione di promozione sociale turistica Vacanze Pontine per far conoscere paesaggi, sentieri, mare e falesie, ma anche piatti tipici del Golfo di Gaeta, con Ivan Aiven Corridori, un instagram influencer, da anni impegnato tra sport e turismo, Redbetter, alias Adriana Milo, travel blogger da 50 mila follower, Anna Perince, blogger di viaggi seguita da 58 mila persone, e Giulio Pugliese, fotografo romano di viaggi e matrimoni con 40 mila follower. Del tutto spontaneo, invece, fu il blitz dei Ferragnez al Giardino di Ninfa. A giugno del 2020, alla riapertura del primo lockdown per la pandemia Covid, l'influenzer Chiara Ferragni pubblicò qualche scatto insieme al marito, il cantante Fedez, con la scritta E' il più bello al mondo. Un post su Istangram che divenne subito virale.


LE IDEE
Tornando a Ponza, tra le finalità de L'isola delle idee c'è quella di rafforzare l'identità e l'immagine dell'isola.Sindaco Ambrosino, secondo lei su cosa si potrebbe fare leva per centrare l'obiettivo? «Io una mia idea ce l'ho e me la tengo, anche perché potrebbe non essere la migliore ha risposto il primo cittadino - E' per questa ragione che ci stiamo rivolgendo a degli esperti. Potrebbero avere idee illuminanti. Il progetto si chiama, non a caso, L'isola delle idee. Noi cerchiamo la promozione delle potenzialità di Ponza quale meta turistica, e la conseguente valorizzazione delle sue bellezze naturalistiche, storiche, paesaggistiche, nonché dei servizi resi disponibili. I professionisti selezionati si impegneranno a realizzare, durante il soggiorno, campagne promozionali attraverso l'uso dei principali social network, con post, stories e dirette Instagram».
C'è già qualche candidatura? «Stiamo valutando le più forti» ha affermato il sindaco Ambrosino. «Il progetto rientra tra quei sistemi ha concluso il primo cittadino, eletto a giugno scorso che mirano ad incrementare l'incoming e la permanenza media e la destagionalizzazione dei flussi. Il tutto in un'ottica di miglioramento della qualità dell'offerta turistica. Partiamo con questa iniziativa, poi ne prenderemo in considerazione anche altre».
Sindaco, non teme il rischio che i messaggi promozionali, su commissione, possano risultare poco credibili? «Assolutamente no. Intanto perché, lo ribadisco, non è previsto alcun compenso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA