La Plasmon non chiude e non licenzia ma punta al riclancio produttivo

Martedì 22 Maggio 2018
La Plasmon di Latina non chiude, non licenzia e non prevede più esuberi di massa. Non solo, per lo stabilimento si aprono nuovi orizzonti: la produzione potrebbe estendersi agli alimenti funzionalizzati, in pratica l'azienda punta a sganciarsi dall'esclusivo baby food, settore che si sta contraendo nel nostro Paese a causa della riduzione delle nascite. Ieri pomeriggio, ministero dello Sviluppo economico, Regione Lazio e azienda hanno firmato una lettera d'intenti per avviare appunto la produzione di prodotti innovativi ed evitare uno stop all'impianto con ricadute in termini di esuberi per circa 95 lavoratori.

Servizio completo sull'edizione cartacea © RIPRODUZIONE RISERVATA