FONDI

Pericoloso incendio lambisce a Fondi la residenza estiva dell'assessore Spagnardi: bagnanti messi in fuga dal fumo

Lunedì 21 Agosto 2017 di Barbara Savodini

Pericoloso incendio poco prima delle 17:00 tra la Flacca e il canale Pedemontano, sul litorale di Fondi. Un piccolo rogo, divampato per cause da accertare proprio accanto all’abitazione dell’assessore all’urbanistica Claudio Spagnardi, è velocemente cresciuto rendendo l’aria irrespirabile e mettendo in fuga i numerosi bagnanti dei lidi Morea, Guelf il Pirata e della spiaggia libera. Tempestivo l’intervento di ben due squadre dei vigili del fuoco ma nell’arco di pochi minuti le fiamme sono cresciute a dismisura per via della presenza di ingenti quantità di plastica, forse materiali lasciati incustoditi dai numerosi ambulanti che d'estate affollano il litorale. Questo, almeno, quanto ricostruito dalla squadra interforze intervenuta considerando che le operazioni di spegnimento sono ancora in corso. 

Un’enorme nuvola di fumo ha così separato i soccorritori, tra i quali si trovava anche l’assessore che si è adoperato con una pompa per difendere la sua abitazione, e i restanti bagnanti compresi gli altri componenti della famiglia Spagnardi. Tale è stata la portata dell’incendio che si è reso necessario l’intervento anche dei Falchi di Pronto Intervento, della Municipale e di altri residenti che hanno aiutato come hanno potuto a circoscrivere le lingue di fuoco. Paura anche per le due strutture ricettive ubicate nelle immediate vicinanze, il "Tahiti Club" e il camping "Le Dune". Contemporaneamente un altro pericoloso rogo, divampato in tutt’altra parte della città, in via Diversivo Acquachiara per l’esattezza, ha paralizzato la circolazione e lambito diverse proprietà private. Tempestive le segnalazioni degli uomini della Protezione Civile città di Fondi ma la situazione è risultata particolarmente critica in quanto diverse squadre dei vigili del fuoco e dei Falchi erano impegnate lungo la Flacca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA