Evergreen, l'assessore rassicura: «Nuova gestione dopo il bando»

Lunedì 3 Febbraio 2020 di Marco Cusumano
Il Comune riceverà nei prossimi giorni il responsabile della cooperativa La Tartaruga, Giuseppe Bagnato, per valutare insieme le possibili soluzioni del caso Evergreen. Dopo l'invio dell'avviso di sgombero del parco, entro il 30 settembre, la cooperativa ha annunciato che, senza un sostegno economico per la rimozione degli alberi caduti, non potrà riaprire in primavera.

Ma è soprattutto la nuova destinazione dell'area a preoccupare i numerosi frequentatori, in particolare famiglie con bambini. Su questo aspetto l'assessore Emilio Ranieri intende tranquillizzare la cittadinanza: «Il progetto Upper, nel quale il parco è stato incluso, si estenderà oltre i terreni attualmente utilizzati dall'Evergreen, in particolare nell'area che si sviluppa verso la scuola. L'intenzione è mantenere le attuali funzioni dell'Evergreen ma con una nuova gestione, con affidamento tramite bando».

In sostanza dovrebbe restare attivo il servizio di ristorazione e anche i giochi dei bambini dovrebbero restare al loro posto, ma ci saranno anche altre attività con nuovi soggetti coinvolti. «Anzi - rassicura l'assessore Ranieri - in questo modo il parco sarà ulteriormente migliorato nell'interesse di tutti».

Da chiarire invece i tempi di attuazione. «Abbiamo indicato la data di sgombero del 30 settembre - spiega Ranieri - per dare la possibilità alla cooperativa di gestire il parco durante l'estate, anche per poter riprendere il parco in buone condizioni rispetto alla manutenzione». Poi si procederà con l'iter del progetto Upper e con un nuovo bando per la gestione del parco, al quale ovviamente potrà partecipare anche l'attuale gestore. «Faremo come per gli altri parchi - spiega Ranieri - tra l'altro ripubblicheremo anche il bando per il parco Faustinella visto che l'unica manifestazione di interesse è arrivata da un soggetto senza i requisiti. Imminente è invece la scadenza dei termini per il Vasco de Gama». Per quanto riguarda la rimozione degli alberi crollati sui giochi dei bambini, l'assessore spiega che se ne parlerà durante l'incontro con il responsabile della cooperativa. 

L'area comunale è gestita dalla coop La Tartaruga in virtù di una concessione gratuita risalente al luglio 2008 e mai rinnovata. Una situazione che il Comune ha voluto affrontare, così come ha fatto per altri beni pubblici affidati in maniera discutibile, se non altro per la scarsa trasparenza. 

La preoccupazione tra le numerose famiglie che frequentano il parco Evergreen resta comunque alta, fino a quando il caso non sarà risolto concretamente. Molti hanno aderito al gruppo Facebook Non chiudete l'Evergreen nato per protestare contro la chiusura della struttura. La cooperativa, nella Pec inviata al Comune, sottolinea la «rilevante funzione sociale del parco, non solo per lo spazio ricreativo ad accesso gratuito, ma anche per l'impiego di lavoratori disabili e detenuti in messa alla prova, diventando un importante punto di riferimento di riabilitazione sociale e di concreto reinserimento per numerose persone». Ora è il momento del dialogo per cercare una soluzione. Ultimo aggiornamento: 17:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA