Ormai è ufficiale PalaBianchini senza agibilità: la Top Volley si trasferirà a Cisterna

Venerdì 7 Settembre 2018 di Gaetano Coppola
Il tecnico della Top Volley, Lorenzo Tubertini con i suoi atleti (Foto di Paola Libralato)
 Ormai è certo, la Top Volley non giocherà più al PalaBianchini. Con un anno di anticipo (dal prossimo campionato la struttura di via dei Mille sarebbe stata comunque inadatta ad ospitare partite di Superlega per carenza di posti a sedere) il sestetto del presidente Gianrio Falivene dovrà traslocare.

Prime gare, “casalinghe” a Caserta, così come era stato indicato al momento dell’iscrizione, in attesa che Cisterna acceleri i tempi per poter aprire la nuova struttura. Si stima che a fine novembre, inizio dicembre si potrà giocare.

Non ci sono comunicazioni ufficiali, ma sembra che dal Comune di Latina sia arrivata la resa. I lavori di messa a norma del PalaBianchini, che dovevano iniziare a giugno e avrebbero dovuto essere già terminati, non sono ancora partiti. E i tempi per mettere a norma impianto elettrico, dotazioni di sicurezza e portare la capienza a 2.400 posti per ottenere la certificazione della commissione pubblici spettacoli non ci sono più. Il campionato partirà tra poco più di un mese. Per basket e calcio a 5 potrà continuare a valere l’assunzione di responsabilità che i sindaci hanno firmato da oltre vent’anni per poter giocare. Ma la Lega Volley da questa stagione ha detto stop: serve la certificazione ufficiale. E il Comune non è stato in grado di mettere a norma la struttura.

«Preso atto della situazione, abbiamo intensificato i rapporti con il Comune di Cisterna – dice il presidente Gianrio Falivene – per riuscire a stringere al massimo i tempi. Per l’agibilità dell’impianto servono le balaustre, gli allacci di luce e acqua e l’Uta (unità trattamento aria). Ci assicurano che entro dicembre la struttura sarà pronta, ma speriamo di poterla avere a disposizione anche prima». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nazionale: tra importanti verifiche e ricerca di novità

di Massimo Caputi