Omicidio-suicidio ad Aprilia, marito uccide la moglie poi si spara

Venerdì 17 Luglio 2020 di Raffaella Patricelli

Dramma ad Aprilia nella notte attorno alle 3.00: un uomo di 48 anni ha ucciso la moglie di 45 utilizzando una pistola. L'uomo subito dopo si è tolto la vita. È accaduto in una villetta in zona Fossignano, periferia di Aprilia. Secondo i primi accertamenti la coppia non si stava separando, nè aveva avuto litigi negli ultimi giorni. La tragedia è ancora tutta da chiarire. Al lavoro i carabinieri del Reparto Terrioriale di Aprilia diretti dal tenente colonnello Riccardo Barbera. I rilievi sono ancora in corso. Sul posto anche il pm della Procura di Latina, Marina Taglione.
 


L'uomo aveva 48 anni, C.C. le iniziali, era originario di Caltanisetta. Secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri guidati dal tenento colonnello Riccardo Barbera, al termine di una lite scaturita per motivi che sono ancora in corso di accertamento, ha esploso tre colpi di revolver calibro 38, con un'arma legalmente detenuta, colpendo la moglie - S.G.C., 45 anni, anche lei originaria di Caltanisetta -  al torace e causandone la morte. L’uomo, dopo aver commesso il delitto, si è poi suicidato sparandosi un colpo in testa con la stessa arma. I carabinieri di Aprilia sono stati avvertiti da una parente convivente con la coppia sono arrivati sul posto e, dai primi accertamenti svolti, si appurava che i due congiunti, provenienti dal comune di Marino (in provincia di Roma, non avessero in corso alcuna causa di separazione. Erano arrivati ad Aprilia, nella casa di via Chiascio, nel maggio di quest’anno. Entrambi erano commercianti. Sono in corso ulteriori indagini coordinate dalla procura della Repubblica di Latina.

Uccide la moglie con il fucile e poi si suicida: tragedia in provincia di Parma

Ultimo aggiornamento: 12:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA