Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidi nel carcere di Frosinone, Cestra condannato a 30 anni solo per una delle morti

Il carcere di Frosinone
di Elena Ganelli
1 Minuto di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 18:06

E’ stato condannato a trenta anni di carcere Daniele Cestra, il 45enne di Sabaudia chiamato a rispondere di due omicidi commessi all’interno del carcere di Frosinone dove sta scontando una precedente condanna a 18 anni per l’omicidio di un’anziana uccisa nel dicembre 2013 nella sua abitazione di San Felice Circeo durante una rapina.

«Serial killer in carcere», la Procura chiede l'ergastolo per Daniele Cestra

Questo pomeriggio la Corte di assise di Frosinone lo ha riconosciuto colpevole di un solo omicidio, quello di Peppino Mari, morto in cella il 17 agosto 2016 mentre lo ha assolto per la morte dell’altro detenuto, inizialmente erano state considerate suicidi. La prima vittima è Pietropaolo Bassi, trovato impiccato nella sua cella il 24 marzo 2015 per non avere commesso il fatto. L’accusa aveva chiesto la condanna all’ergastolo sostenendo che l’uomo avrebbe ucciso i due compagni di cella e ne avrebbe poi inscenato il suicidio. mentre i legali dell’imputato, gli avvocati Angelo Palmieri e Sinuhe Luccone, hanno chiesto l’assoluzione da entrambi i capi di imputazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA