Sessant’anni dal passaggio dell'indimenticabile Fiaccola Olimpica a Sabaudia

Lunedì 24 Agosto 2020 di Bianca Francavilla

Sono trascorsi 60 anni dal giorno in cui Sabaudia ospitò il passaggio della Fiaccola Olimpica prima degli indimenticabili Giochi della XVII Olimpiade che si svolsero nella Capitale. La città delle dune non dimentica il 24 agosto 1960 e lo considera un evento irripetibile entrato nella storia del territorio. In precedenza soltanto un'altra città italiana era stata sede di evento olimpico: Cortina d'Ampezzo nel 1956 con i VII Giochi olimpici invernali.

«Sessanta anni dopo lo storico evento – spiega con enfasi il sindaco Giada Gervasi - ricordiamo simbolicamente il valore di quel momento, evidenziando l'importanza dello sport nelle sue diverse declinazioni e la forte vocazione sportiva di una città che nel tempo ha saputo affermarsi e divenire punto di riferimento. L'avvenimento è ancora oggi impresso nella memoria di coloro che ebbero la fortuna di prendervi parte».

Tra coloro che hanno vissuto la storica giornata in prima persona c'è Antonino Azzolina (le immagini sono del suo archivio), giovane atleta di Sabaudia che superò le selezioni e partecipò alla cerimonia ufficiale portando la Fiaccola Olimpica fino in piazza del Comune, dove ad attenderlo vi erano autorità locali e cittadini.

Vedi anche > Coronavirus, annullata anche la Coppa del Mondo di Canottaggio di Sabaudia

© RIPRODUZIONE RISERVATA