FONDI

Nuovo raid vandalico a Fondi nelle scuole: telecamere sempre più preziose

Sabato 30 Maggio 2020 di Barbara Savodini

A qualche ora dall'identificazione e dalla denuncia dei tre vandali che hanno imbrattato decine di auto e due negozi nel centro storico di Fondi sono in tanti a domandarsi il perché.

La verità, stando alle deposizioni rilasciate alle forze dell'ordine, è che non c'è un vero motivo e che tutti gli obiettivi, come dimostrano anche le telecamere di videosorveglianza, sono stati scelti in maniera del tutto casuale.

I nomi? Nessuna intimidazione o avvertimento: si è trattato semplicemente di conoscenti, ragazzi e ragazze della città, che sono venuti in mente ai tre “teppistelli” mentre pigiavano l'erogatore della bomboletta spray. Una scelta casuale che, però, costerà ai tre un processo per diffamazione oltre che per danneggiamento.

Dopo essere risultate decisive per incastrare gli inquinatori seriali, insomma, le telecamere dell'impianto di videosorveglianza comunale si sono rivelate preziose anche per incastrare l'ennesimo gruppo di vandali in azione. Nel frattempo, però, spunta un nuovo episodio.

Verso l'interdizione notturna di Piazza Municipio
«L'ottimo lavoro delle forze dell'ordine – commenta il vice sindaco Beniamino Maschietto – serva da monito a chi ha intenzione di continuare a comportarsi incivilmente arrecando un danno ai luoghi pubblici e alla comunità. Per fortuna si tratta di una minoranza ma continueremo a combattere questi comportamenti. Non posso che ringraziare polizia, carabinieri e agenti della municipale che notte e giorno pattugliano il territorio».

Nel corso dell'incontro tra amministrazione e forze dell'ordine che si è tenuto ieri è inoltre emersa la necessità di intensificare i controlli nei luoghi di assembramento, in particolare quelli frequentati da giovanissimi come l'anfiteatro, i portici del Comune e il piazzale della biblioteca.

«Se questi comportamenti irresponsabili dovessero continuare – preannuncia il vice sindaco – ci troveremo costretti a vietare lo stazionamento ai piedi del Municipio subito dopo l'uscita dal Comune dei dipendenti».

Un altro raid ai danni delle scuole Aspri e Amante
Ed è lo stesso vice sindaco a dare notizia anche di un altro atto vandalico all'interno degli istituti Aspri e Amante.

In entrambi gli edifici sono state divelte le porte di accesso e arrecati lievi danni al tetto. Anche in questo caso le forze dell'ordine ritengono di poter individuare al più presto i responsabili ma non si tratta sicuramente del trio delle bombolette spray.

© RIPRODUZIONE RISERVATA