Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nuovo capo di gabinetto per la Questura di Latina, è Roberto Graziosi

Roberto Graziosi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Febbraio 2022, 16:16

Roberto Graziosi   è il nuovo capo di gabinetto della Questura di Latina, in sostituzione di Walter Dian che è stato promosso alla qualifica di primo dirigente e trasferito a Roma.

Roberto Graziosi, nato a Roma il 5 giugno 1964, entrato in Polizia nel 1983; ha prestato servizio in diversi uffici territoriali e dipartimentali della Polizia di Stato, in particolare presso la Questura di Livorno, di Roma, l’ispettorato di Polizia. presso il Vaticano, il Servizio centrale di protezione (che gestisce i testimoni e collaboratori di giustizia) e il servizio centrale operativo.

Presso quest’ultimo Ufficio ha partecipato a numerosissime indagini contro la criminalità organizzata di stampo mafioso in Sicilia, Calabria e Puglia; tra il 2006 e il 2013, ha catturato diversi latitanti, Negli ultimi anni si è occupato anche delle indagini sul calcio-scommesse in cui sono stati indagati 32 soggetti accusati di associazione per delinquere pluriaggravata, finalizzata alla frode sportiva.

Approdato alla Questura di Latina nel gennaio 2016, ha diretto l’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico e nel 2017 ha assunto l’incarico di vice dirigente della Squadra Mobile. Durante il periodo trascorso presso la Squadra Mobile ha condotto diverse indagine, tra le quali si menzionano l’operazione “Dark Side” sulla discarica abusiva di Aprilia che ha consentito l’arresto di 22 persone ritenute responsabili di aver realizzato e gestito un’enorme discarica abusiva in una zona sottoposta a vincolo idro-geologico e l’operazione “Arpalo” che ha portato all’arresto di 13 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio aggravato dalla transnazionalità, al trasferimento fraudolento di valori, alla bancarotta fraudolenta, nonché di innumerevoli reati tributari e societari.

Graziosi negli ultimi anni ha anche diretto i commissariati distaccati di  Terracina e Gaeta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA