Aspirata dal bocchettone della piscina: ragazzina di 13 anni muore in hotel a Sperlonga, 4 indagati

di Barbara Savodini
Ci sono quattro indagati con l'accusa di concorso in omicidio colposo per la morte di Sara Francesca Basso,  la ragazza di 13 anni  che ieri è stata aspirata dal bocchettone della piscina al Virgilio Grand Hotel di Sperlonga. Era in vacanza con i familiari ed era residente a Supino ma frequentava l'istituto comprensivo "Campo Coni" nel capoluogo ciociaro. La Procura di Latina ha aperto un fascicolo nei confronti dell'amministratore della società che gestisce l'albergo, dell'ex proprietario, del costruttore della piscina e del responsabile della manutenzione. 

LEGGI ANCHE Sperlonga, sigilli all'Hotel Virgilio: blitz di carabinieri e Finanza
LEGGI ANCHE Roma, bimbo di 4 anni rischia di annegare nella piscina del centro estivo
 
 

Si cerca di capire anche perché non ci fosse il bagnino - ma la vasca è alta 1,5 metri - mentre domani alle 15 sarà conferito l'incarico per l'autopsia. Inutile il tentativo di un turista americano di salvare la ragazzina perché, mentre l'uomo cercava con tutte le forze di tirarla a sé, la giovanissima aveva già bevuto tantissima acqua.

Nonostante la tempestività della macchina dei soccorsi e la successiva rianimazione intentata dai sanitari, la 13enne è deceduta poche ore dopo, alle 4 di questa mattina, prima di essere stata trasportata in eliambulanza al policlinico “Gemelli” di Roma. 



Un episodio assurdo sul quale stanno indagando già da ieri i carabinieri della locale stazione, che hanno sequestrato la piscina e il vano pompe. 

La salma della ragazzina è a disposizione dell'autorità giudiziaria   per chiarire se Sara possa avere avuto un malore prima di annegare.  I militari della stazione di Sperlonga hanno ascoltato i numerosi presenti, compreso il turista americano che per primo ha soccorso la ragazza.

Ore di cordoglio e dolore non solo a Sperlonga ma anche e soprattutto a Supino, dove la ragazza viveva assieme alla madre e alla sorellina.  
Giovedì 12 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-07-2018 16:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-07-14 15:12:41
@ Ragazzina di 13 anni morta in piscina perche' risucchiata dalla potenza delle pompe a 1,5 metri sul fondo. Ora la vogliono fare a pezzi per capire se l'adolescente avesse avuto un malore, quando basterebbe fare una prova in piscina per capire la vera portata della pompa di risucchio. Tuttavia la bimba aveva una vita da vivere ed e' morta probabilmente per colpa del pressappochismo di alcuni responsabili i quali nomi sembrano segretati. E per ripagare i genitori basta vendere tutto l'impianto e versare il ricavato alla famiglia come monito ad altri, Ma siamo nel Belpaese.
2018-07-13 15:57:57
Per la verità bisognerà aspettare il processo rimane comunque una morte incredibile per le modalità. Anima bella riposa in pace.
2018-07-13 08:03:30
sono quasi sicuro che il bocchettone non è in causa ,la ragazza stava già male e poi il bocchettone non è un idrovora .
2018-07-13 06:35:17
L'albergo da quanto leggo è un quattro stelle, ma leggendo anche le recensioni sulla struttura si può intuire che, per il prezzo che si paga, molte cose andrebbero riviste. Fare sempre molta attenzione quando si parte per una vacanza.
2018-07-13 00:37:13
Penso che l'ergastolo sia appena sufficiente per chi doveva controllare e vigilare.
15
  • 4,4 mila
QUICKMAP