Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il vescovo Crociata: «Giovani disorientati, diamo loro strumenti per scegliere»

Monsignor Mariano Crociata
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Gennaio 2022, 18:35

ll  vescovo di Latina, Mariano Crociata, ha  presieduto la santa Messa per gli amministratori pubblici e i rappresentanti delle parti sociali in occasione della cinquantacinquesima giornata mondiale della Pace.

Al termine, monsignor Crociata ha consegnato alle autorità intervenute la copia del messaggio di Papa Francesco per la LV Giornata mondiale della pace

Per quanto riguarda il territorio della diocesi il vescovo si è soffermato sull'importanza di  «promuovere e rafforzare l’alleanza tra istituzioni e cittadini, e soprattutto tra le generazioni, con un desiderio profondo e amorevole di avviare ad un futuro, pieno non di dubbio e incertezza ma di speranza, i bambini, i ragazzi e i giovani che stiamo crescendo». 

Nel corso dell'omelia monsignor Crociata si è soffermato sulla pandemia, la situazione economica, ma ha sottolineato «il senso della proposta cristiana per la vita che le nostre comunità parrocchiali offrono a bambini, ragazzi e giovani. Il nostro compito non è costringerli o, peggio, plagiarli, ma offrire loro una prospettiva con cui confrontarsi e rispetto alla quale scegliere, eventualmente anche prendendone le distanze. Se non hanno nessuna proposta, non sapranno mai cosa scegliere. Il dramma è che non raramente nelle famiglie non trovano né la proposta cristiana né il suo contrario, con il risultato di vedere crescere ragazzi e giovani disorientati, senza visione e senza futuro, deboli e in balia di qualsiasi vento. Il loro destino è il nichilismo, appunto, la percezione depressa e depressiva che non c’è niente per cui valga la pena di vivere; perciò, la vita la si può buttare via dietro l’una o l’altra dipendenza o fatuo miraggio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA