Mancanza di requisiti igienico sanitari, chiusi un ristorante e tre case di riposo

Sabato 17 Agosto 2019
Attività di ristorazione e comunità alloggio per anziani ispezionate e sanzionate dai carabinieri  per la tutela della salute (Nas) di Latina, nell'ambito dei controlli predisposti dal comando di Roma. Sono state accertati   carenze igieniche e mancanza dei requisiti previsti dalla normativa  «per cui le autorità competenti  hanno adottato provvedimenti di chiusura immediata e diffida».

Le verifiche hanno riguardato un take away a San Felice Circeo che impiegava nelle lavorazioni alimentari acqua captata da un pozzo artesiano  priva di certificazione di potabilità ed è stato chiuso;   quattro comunità alloggio per anziani di Sezze, tre chiuse: una priva di autorizzazione al funzionamento, un'altra priva di dispositivi d'allarme, irregolarità circa la registrazione delle presenze e  personale insufficiente rispetto agli anziani ospitati, la terza per la recidiva mancanza di autorizzazione al funzionamento e la carenza dei requisiti organizzativi in rapporto al numero degli anziani ospitati. La quarta è stata diffidata per alcune mancanze organizzative e gestionali.

Nel corso delle attività di controllo, presso una pizzeria-kebab di Latina, sono stati sequestrati 15 chilogrammi di prodotti da forno e carne privi di tracciabilità.

Infine presso un campeggio di Terracina è stata accertata la somministrazione di alimenti e bevande in mancanza della segnalazione certificata di inizio attività (Scia) sanitaria ed amministrativa

Il valore della struttura di ristorazione chiusa è di circa 250.000 euro mentre quello complessivo delle tre strutture socio-assistenziali è di circa  1 milione e mezzo. Contestate violazioni amministrative per complessivi 7.000 euro © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma