Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Malore in mare all'alba, salvato da un bagnino fuori servizio e dal suo cane

Malore in mare all'alba, salvato da un bagnino fuori servizio e dal suo cane
di Mirko Macaro
2 Minuti di Lettura
Domenica 17 Luglio 2022, 19:19

Si tuffa in mare all’alba, col litorale deserto, poi accusa un malore e cade in acqua privo di sensi, ritrovandosi vivo e vegeto per pura casualità: l’improvviso mancamento, sembra dovuto a un infarto, è stato notato in diretta da un bagnino fuori servizio che stava portando a spasso il cane. Praticamente le uniche due presenze nel raggio di decine di metri; ognuna a suo modo, entrambe protagoniste della buona riuscita del salvataggio. Tanto il padrone, quanto il cane, un meticcio femmina di un paio d'anni.

I fatti si sono verificati intorno alle 6 di domenica a Fondi, nel tratto di spiaggia corrispondente al “Caretta beach”, lo stabilimento balneare attivo sull’arenile che nell’estate del 2020 fece da culla a decine di piccole tartarughe marine. È proprio uno dei bagnini dell’attività ad avvistare l’uomo in mare, un turista di poco più di cinquant’anni proveniente dall’hinterland capitolino. Secondo le ricostruzioni quest'ultimo attira l’attenzione portandosi le mani al petto, subito dopo collassa. A quel punto il bagnino si lancia in acqua e lo riporta non senza difficoltà a riva, un intervento che sul finire è supportato d’istinto dal suo cane, che prende a tirare il turista svenuto agganciandone col muso il pantaloncino.

Subito dopo l’operatore balneare lo mette in posizione di sicurezza ed inizia delle delicate manovre di rianimazione, viene contattato il 118, dallo stabilimento sono pronti ad attivare il defibrillatore. Ma l’intervento dei sanitari è tempestivo: a soli 12 minuti di distanza dall’allarme arriva in spiaggia il personale di un’ambulanza, seguito da quello di un’auto medica. Nuove manovre di rianimazione, quindi largo a una corsa contro il tempo verso l’ospedale “Fiorini” di Terracina.

Un’atipica staffetta dell’emergenza terminata nel migliore dei modi, con il bagnante che a non molto dal ricovero ha ripreso i sensi ed è stato dichiarato fuori pericolo di vita, firmando infine le dimissioni. Disavventura prontamente alle spalle, per lui. Mentre, per il bagnino e il suo cane, un'inattesa alba eroica nata da una tranquilla passeggiata in riva al mare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA