Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cultura della legalità, partono gli incontri dei Carabinieri nelle scuole pontine

Il colonnello Lorenzo D'Aloia (al centro) e il tenente colonnello Paolo Guida
di Giovanni Del Giaccio
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Febbraio 2022, 13:24

E' in corso anche a Latina la campagna di sensibilizzazione sulla “formazione della cultura della legalità” per i giovani, nell’ambito delle iniziative connesse al protocollo d’intesa tra comando generale dell'Arma dei carabinieri e ministero dell’università e della ricerca. L’iniziativa  è stata preannunciata dal comandante provinciale di Latina, colonnello Lorenzo D’Aloia, il quale ha colto l’occasione per presentare il “pool” di ufficiali che, nelle prossime settimane, incontrerà gli studenti, di ogni ordine e grado, dell’intera provincia.

Il gruppo di lavoro sarà composto dal comandante del gruppo territoriale di Aprilia, tenente colonnello Paolo Guida, dai comandanti delle Compagnie di Latina, capitano Paolo Perrone, di Terracina, capitano Francesco Vivona, e di Formia, maggiore Michele Pascale, i quali saranno, di volta in volta, affiancati da personale dei reparti speciali dell’Arma (Noe, Nas), della Forestale e da personale specializzato contro la “violenza di genere”.

«Sarà un’opportunità per un confronto costruttivo e una maggiore interazione con i ragazzi per sensibilizzarli sui temi dell’uso delle sostanze stupefacenti, del rispetto delle norme del codice della strada, contro il cyber bullismo, la violenza di genere e la difesa del territorio - si legge in una nota dei carabinieri - Lo scopo sarà quello di stimolare e infondere la cultura della legalità, approfondendo i suddetti temi sia dal punto di vista sociale ed educativo, sia dal punto di vista più strettamente legato alle funzioni preventive e repressive  dei Carabinieri».

Il personale si soffermerà su ogni forma di violenza e illegalità, sui rischi collegati alla navigazione in internet e i crimini informatici a causa del massivo utilizzo dei social network, la pericolosità delle sostanze stupefacenti, l’attenzione al territorio e all’ambiente e il rispetto delle regole, in particolare quelle per la sicurezza stradale. Presso le scuole primarie, inoltre, saranno organizzati incontri con i bambini con i quali saranno trattate, con un linguaggio adeguato alla loro età, le problematiche relative al bullismo. Gli incontri, in questi casi, saranno allietati dalla presenza dei cinofili e dei loro “amici fedeli” che si esibiranno in quello che per loro è solo un gioco ma che, durante il loro effettivo impiego, è un lavoro.

Nel corso delle conferenze sarà illustrata anche la struttura ordinativa dell’Arma dei Carabinieri, i mezzi utilizzati nelle attività di servizio, l’impiego nelle missioni all’estero nelle aree di conflitto per il mantenimento della pace, i settori d’intervento e gli ambiti operativi dei reparti speciali; il tutto supportato da filmati istituzionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA