È scomparso Franco Carnevali, 82 anni storica mezz'ala del Latina calcio

È scomparso Franco Carnevali, 82 anni storica mezz'ala del Latina calcio
di Giuseppe Baratta
3 Minuti di Lettura
Domenica 5 Luglio 2020, 09:59

LATINA - Un signore d’altri tempi, un vecchio nerazzurro, una persona legata a doppio filo al Latina e al calcio, con un occhio sempre rivolto ai giovanissimi atleti. Franco Carnevali, storica mezz’ala del Latina degli anni Sessanta originario di Ancona, è scomparso ieri pomeriggio all’età di 82 anni al termine di una malattia che negli ultimi anni lo aveva provato nel fisico ma non intaccato ne fiaccato nello spirito. Protagonista sul campo prima da calciatore poi in panchina come allenatore. «Per me era prima di tutto l’amico di una vita, quando sono arrivato a Latina a giocare a calcio frequentavo casa sua e ho dato anche il biberon alla figlia Cinzia, appena nata quando nel 1968 vincemmo il campionato di serie D, sono profondamente addolorato e mi sento più solo senza di Franco - ricorda Alberto Pizzi, ex giocatore e allenatore arrivato da Parma a Latina anche lui negli anni Sessanta - Che giocatore era? Un generoso perché era sempre disponibile, in campo era una mezz’ala molto tecnica, capace anche di segnare molti gol, un giocatore che tutti avrebbero voluto avere come compagno di squadra. Sono molto triste». 

MATTIA PERIN - Franco Carnevali ha allenato in tutta la provincia, anche a Sezze dove in molti lo ricordano con grande emozione ancora oggi. Nel capoluogo pontino ha lasciato il segno anche perché da allenatore e dirigente fu protagonista del Nuovo Latina: era stato uno dei dirigenti dell’R6 Isonzo e poi Nuovo Latina insieme a Lupi e Catenacci, nella società che poi fece emergere il talento di Mattia Perin, oggi portiere del Genoa ma di proprietà della Juventus.

EMOZIONE FRANCIONI - «Quando entrava al Francioni sorrideva, per lui era la sua casa e diceva che aveva lottato e corso sui campi per farlo diventare grande - aggiunge il figlio Fabrizio - era felicissimo quando il Latina era in serie B, in quei momenti era soddisfatto e dice che tutto quello che aveva fatto per il Latina era stato fatto con l’obiettivo di renderlo grande. Con lui sono andato anche molte volte in trasferta, seguire la squadra era una soddisfazione ma quando entrava allo stadio di Latina per lui si riapriva il libro dei ricordi, guardava gli spogliatoi, il prato e le tribune e per me vederlo sorridere era una soddisfazione impagabile. Negli ultimi tempi era dispiaciuto per la situazione che la squadra del suo cuore stava vivendo».

LA MAGLIA - La maglia nerazzurra la vestiva sul cuore ma un momento molto bello per lui arrivò nell’ottobre 2016 quando venne celebrato dal Latina in un incontro al campo della Fulgorcavi con il capitano Matteo Bruscagin e tutta la squadra. Nella vita di tutti giorni Franco Carnevali è stato un ottimo vicino di casa per tutti quelli che hanno avuto il piacere di conoscerlo, sempre disponibile, con il sorriso stampato sul volto e con una parola di conforto per tutti. Di professione era stato un apprezzato rappresentate di vini per tutta la provincia di Latina, anche per questo motivo oltre al calcio era apprezzato e riconosciuto. I funerali verranno celebrati in forma privata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA