Guasto sulla linea ferroviaria, caos treni tra Roma e Formia

Guasto sulla linea ferroviaria, caos treni tra Roma e Formia
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Febbraio 2021, 11:54 - Ultimo aggiornamento: 13:58

«Dalle ore 7.08 sulla linea Roma – Napoli, via Formia, il traffico ferroviario è fortemente rallentato in prossimità di Formia per un inconveniente tecnico alla linea elettrica di alimentazione dei treni». Rfi informa che vi sono «effetti sulla mobilità ferroviaria: rallentamenti fino a 120 minuti» e che è «in corso l’intervento dei tecnici di Rfi e la riprogrammazione dell’offerta ferroviaria».

Rfi ha comunicato che dalle ore 11.45 sulla linea Roma – Napoli, via Formia, «il traffico ferroviario, precedentemente fortemente rallentato in prossimità di Formia per un inconveniente tecnico alla linea elettrica di alimentazione dei treni, è in graduale ripresa dopo l’intervento dei tecnici di Rfi che hanno ripristinato la piena funzionalità della linea».

Al momento della ripartenza del treno a bordo è scoppiato un applauso liberatorio dei viaggiatori. Ma la situazione sulla linea resta complicata. «Effetti sulla mobilità ferroviaria: 1 treno AV con un ritardo di 25 minuti, 8 Intercity e 15 Regionali con ritardi fino a 200 minuti, 1 Intercity e 5 Regionali limitati nel percorso, 4 Regionali cancellati».

Racconta uno dei passeggeri protagonisti di questa odissea: «Sono partito da Napoli alle 6,31 con l'Intercity 582, avevo un appuntamento a Roma al quale ovviamente non sono arrivato in tempo. Comunque, la prima parte del viaggio, fino alle 7,30 circa, è andata bene, poi ci siamo fermati prima nelle campagne e poi alla stazione di Minturno per un'ora, dopodiché siamo ripartiti ma, arrivati ad una galleria, il treno che precedeva il mio era fermo, pare abbiano fatto trasbordare da un treno all'altro i passeggeri. Siamo ripartiti e arrivati a Formia, dove siamo stati fermi fino a mezzogiorno meno dieci. Una mattinata infinita, estenuante. Tanto che quando il treno è partito è scoppiato un applauso spontaneo, non ce la facevamo più». E tanti appuntamenti saltati, quello di un avvocato che non ha potuto presenziare a un'udienza, quello di due insegnanti che avevano altrettante supplenze, quello di un giornalista, e chissà quanti altri incontri annullati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA