Sindacato Clas: «A rischio posti di lavoro e pulizie negli ospedali». Appello al prefetto

L'ospedale Goretti di Latina
di Rita Cammarone
2 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Giugno 2021, 17:35

A rischio il lavoro di 250 addetti ai servizi di pulizia e sanificazione delle strutture ospedaliere di Latina e provincia. A lanciare l’allarme è stato il sindacato Clas, chiedendo un intervento urgente al prefetto di Latina Maurizio Falco e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. I termini della questione sono contenuti in una nota a firma del segretario generale Davide Favero e dalla segretaria nazionale Simona Rossi Querin, indirizzata agli assessori regionali alla Sanità e al lavoro, Alessio D’Amato e Claudio Di Berardino, e alla direttrice generale della Asl di Latina Silvia Cavalli:«Dal prossimo primo luglio il servizio di pulizia delle strutture ospedaliere pontine passerà alla gestione di una nuova società, la Meranese Servizi, che si è aggiudicata l’appalto pluriennale per un importo di 17,3 milioni di euro. In base ai servizi previsti dal capitolato di appalto, tuttavia, per molti dei lavoratori interessati si prevedono notevoli riduzioni di orario, e quindi di retribuzione, mentre altri rischiano di perdere il lavoro».

I dirigenti di Clas, inoltre, hanno evidenziato un grave rischio sotto il punto di vista sanitario. «L’appalto in questione – si legge - è relativo a una gara indetta nel 2017, cioè in periodo pre-Covid e quindi con servizi di pulizia e igienizzazione delle strutture ospedaliere certamente diversi dalle più stringenti esigenze ora presenti. Non solo, ma in diversi ospedali della provincia di Latina sono aumentate le superfici destinate all’assistenza dei pazienti proprio a causa delle necessità sorte per dare assistenza anche ai pazienti Covid». 

«Per tutto questo – hanno affermato Favero e Rossi Querin – siamo molto preoccupati circa la tenuta dei servizi di pulizia e sanificazione in periodo di emergenza da Covid-19, e quindi chiediamo l'intervento del Prefetto e del presidente della Regione unitamente per trovare le necessarie soluzioni al problema sociale che si sta innescando». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA