Latina, quattordicenne aggredita per uno "sguardo sbagliato": presa a calci e pugni dalle coetanee bulle

Quattordicenne aggredita per uno "sguardo sbagliato": presa a calci e pugni dalle coetanee bulle
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 13:12 - Ultimo aggiornamento: 19:10

E' bastato uno sguardo, incrociato per le vie del centro di Latina, a scatenare la violenza. Uno sguardo “sbagliato”, probabilmente solo un pretesto per scaricare la loro rabbia. Tre ragazze minorenni sono state denunciate dalla polizia. L'aggressione è avvenuta sabato sera in pieno centro, quando hanno aggredito una loro coetanea, colpevole a loro dire di averle guardate male, hanno tutte 14 anni e frequantano la stessa scuola.

La vittima ha cercato di non cadere alla provocazione, di evitare ogni contatto, ma prima che potesse allontanarsi è stata afferrata per i capelli e una delle componenti del gruppo, spalleggiata dalle altre due, l'ha percossa con calci e pugni.

Baby gang scatenate e con sempre più ragazze

L'aggressione e poi la fuga

Dopo l'aggressione le tre bulle si sono allontanate e la giovane è stata soccorsa da un'amica che si trovava con lei. Le indagini della polizia hanno consentito di accertare che la ragazza era già vittima di atti di bullismo da parte delle stesse ragazze, che frequentano la sua scuola. Da tempo, secondo una prima ricostruzione, veniva perseguitata con veri e propri atti di bullismo.

Squid game e bullismo incontri al via nelle scuole

L'incrocio degli sguardi

Come sottolineano gli inquirenti, la giovane picchiata ha avuto solo la sfortuna di transitare nella stessa strada in cui si trovavano le altre tre insieme a sua amica, e di averle guardate, o forse solo incrociate con lo sguardo. Le immediate indagini svolte dagli agenti della Questura di Latina hanno consentito l’identificazione certa delle tre giovani violente e l’acquisizione di elementi che provano la loro  responsabilità. Le tre ragazze sono state quindi denunciate in stato di libertà alla Procura della Repubblica per i Minorenni di Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA