Latina, nasce il centro servizi per le fragilità: un progetto per gli "ultimi"

Latina, nasce il centro servizi per le fragilità: un progetto per gli "ultimi"
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Marzo 2021, 12:20

Apre oggi, martedì 16 marzo, il centro servizi One-Stop-Shop in via Don Morosini 12 in attuazione dell’affidamento alla Cooperativa Sociale Astrolabio della realizzazione del progetto LGNet del Comune di Latina – Servizio Welfare.

LGNet è una esperienza che vede coinvolta una rete di 19 Comuni italiani che affrontano concretamente il difficile tema dell’inclusione utilizzando le risorse del Fondo Europeo FAMI.

Il centro servizi One-Stop-Shop è stato intitolato a Wangari Maathai, prima donna del continente africano a ricevere il Premio Nobel per aver contribuito alla costruzione della pace e la difesa dell’ambiente. Si tratta di un centro innovativo rivolto a tutte le persone con fragilità sociali, compresi gli immigrati extracomunitari in emergenza socio-abitativa. È una iniziativa rivolta prioritariamente agli “ultimi” in diversi ambiti e quartieri della città quali Villaggio Trieste, Nicolosi e Viale Nervi, soprattutto in questo periodo in cui l’emergenza Covid ha ampliato il disagio in ampi strati della nostra popolazione.

«Il centro servizi è orientato a offrire una pluralità di risposte ai bisogni emergenziali - rendono noto dal Comune -  attraverso l’implementazione di prestazioni diverse, dalla mediazione culturale all’assistenza legale, con professionisti competenti e un mandato specifico per operare con una presa in carico a 360 gradi prioritariamente sulle situazioni di vulnerabilità socio sanitarie o di marginalità e discriminazione, anche in via preventiva».

Riunendo differenti professionalità (assistente sociale, psicologo, legale, educatore professionale ed operatori socio sanitari) e diverse risorse dedicate, tra cui un’unità mobile e alloggi per l’emergenza, viene offerta ai beneficiari una risposta concreta e coerente ai bisogni rilevati. I servizi e la mediazione vengono prestati da mediatori culturali specializzati che rappresentano le stesse comunità.

Il progetto risponde alla necessità di qualificare e potenziare l’offerta del welfare pubblico per migliorare, in termini di efficacia ed efficienza, la presa in carico del bisogno.

Il servizio è disponibile tutti i giorni nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Per qualsiasi informazione è possibile contattare il centro tramite il numero telefonico 0773 1740281.

© RIPRODUZIONE RISERVATA