GAETA

Melania Mazzucco inaugura la trentesima Fiera del libro di Gaeta

Domenica 21 Giugno 2020 di Andrea Gionti
«La lettura è da sempre una finestra di salvezza e spesso sono i libri che ti accompagnano in una fase in cui stai ancora cercando di trovare il tuo percorso di vita. In questi mesi la drammaticità del momento che si sta vivendo in alcuni Paesi ha reso la lettura un'attività evasiva che molti sul piano mentale non si sono potuti permettere». E' il pensiero doveroso che la scrittrice Melania Mazzucco, 53 anni, ha espresso durante l'inaugurazione della Fiera del Libro di Gaeta, che quest'anno tocca la 30esima edizione. La madrina d'eccezione, originaria di Tufo di Minturno, è intervenuta alla presentazione della kermesse promossa dalla libreria Tuttilibri di Formia.

Il premio Strega 2003 con il romanzo Vita ha salutato i lettori nello stand allestito lungo il viale Battaglione degli Alpini presentando la nuova opera letteraria L'architettrice. Anche Riccardo Campino, organizzatore insieme alla sorella Enza della Fiera del libro, ha sottolineato il valore della manifestazione: «Siamo felici di festeggiare il trentennale dopo un periodo particolare. Un'apertura che non era realmente scontata vista l'emergenza attuale, ma il prezioso sostegno del Comune di Gaeta ci ha spinto a non mollare. Il nostro pensiero va anche a Libri sulla cresta dell'onda', che ogni estate porta autori importanti nella riviera di Ulisse. Speriamo in dieci giorni di definire insieme agli amministratori dove, come e quando si possa svolgere tutto».
Una speranza condivisa anche dall'assessore alla Cultura, Lucia Maltempo: «Con la Fiera segniamo l'inizio di un risveglio. È stata dura, ma certamente è importante far sentire alle persone che la cultura nel nostro comprensorio c'è». Ultimo aggiornamento: 09:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA