Ecco il nuovo Consiglio comunale di Latina: la pattuglia dei giovani, i ritorni e tanti parenti

Ecco il nuovo Consiglio comunale di Latina: la pattuglia dei giovani, i ritorni e tanti parenti
di Monica Forlivesi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Ottobre 2021, 05:03 - Ultimo aggiornamento: 10:48

Le passioni sono contagiose, si trasmettono, e questo emerge più che mai nel nuovo Consiglio comunale di Latina. La passione per la politica porta sui banchi di piazza del Popolo nipoti, figli, sorelle e mogli. Se le passioni sono autentiche, trasmetterle è la cosa più bella del mondo, se il trasferimento riguarda solo un pacchetto di voti è decisamente meno edificante, ma questo ce lo dirà solo il tempo. Atteniamoci ai fatti e andiamo a fare un giro virtuale nel nuovo Consiglio comunale: 32 consiglieri, 10 donne, 22 uomini, tanti ex, tanti ritorni dal passato, ma anche tante facce nuove, giovani e piene di energia.


Se facciamo la media, decisamente non è un Consiglio giovane, ma c'è una pattuglia di ragazzi che si è contraddistinta durante la campagna elettorale per aver ingranato una marcia diversa, fresca, nuova, di grande impegno. Il più giovane è Leonardo Majocchi, 21 anni del Pd, imperversava sui social con i suoi video girati in tutti gli angoli della città: problemi, idee, progetti futuri. Confermata la più giovane dello scorso Consiglio comunale, Valeria Campagna, classe 1997, la più votata di Lbc con 1.035 voti. Francesco Pannone (nella foto di Filippo Vaccaro i tre ragazzi insieme), stessa età, la lista se l'è proprio costruita, si chiama Riguarda Latina, una creatura sua e dei suoi compagni di impegno politico, ma alle sue spalle c'è una famiglia conosciutissima, è figlio di Paolo, scomparso prematuramente un anno fa e che gli ha lasciato un'enorme scatola con dentro alcune memorabilia dell'attività politica della mia famiglia, in particolare di mio nonno Francesco, racconta, i suoi zii sono Giuseppe, ex consigliere comunale e Gianfranco, documentarista e regista.
 

Poco più grande Mario Faticoni, del 1992, figlio di Guido, consigliere comunale ai tempi di Ajmone Finestra, anche qui una famiglia di lunga tradizione politica. Nella lista di Fratelli d'Italia è stato eletto invece Andrea Chiarato, 34 anni, figlio di Gianni, ex consigliere comunale di centrodestra e candidato sindaco di Latina nel 2016.
Nel centrodestra il decano è il candidato sindaco sconfitto al ballottaggio da Coletta, Vincenzo Zaccheo, che ha 74 anni. Se guardiamo anziché l'età la professione, troviamo la solita schiera di camici bianchi, una costante dei Consigli comunali: a partire dal sindaco Damiano Coletta, cardiologo, a Matilde Celentano, Terapia della riabilitazione a Floriana Coletta, nipote del sindaco e Psichiatra. La carica dei medici non finisce qui, ci sono quelli di famiglia, tutte vecchie conoscenze dell'aula: Giuseppe Coluzzi, Enzo De Amicis e Gianfranco Antonnicola.


Tra i nuovi ingressi Valeria Tripodi, direttrice di ufficio postale e sorella di Angelo Orlando, capogruppo della Lega in Consiglio regionale e in passato consigliere comunale a Latina; Roberta Dellapietà, sorella di Enrico, ex consigliere comunale ora nel cda dell'Arsial che le ha passato il testimone e Daniela Fiore, avvocato, moglie di Giorgio De Marchis, storico consigliere del Pd e capogruppo in Consiglio, del resto per la coppia galeotta è stata proprio la politica. Sempre nel Pd un nuovo ingresso è quello di Tommaso Malandruccolo, commissario della polizia di Stato, una vita spesa ad aiutare il prossimo non solo nella professione ma anche nell'associazionismo e nel volontariato. Eletti anche tre assessori della prima giunta Coletta: Gianmarco Proietti, Emilio Ranieri e Simona Lepori.
Tra i ritorni spicca quello di Patrizia Fanti, consigliera comunale di centrodestra e assessore di lungo corso, così come Mauro Anzalone, Raimondo Tiero, Giancluca Di Cocco. Continuando il nostro viaggio nel Consiglio troviamo ovviamente i candidati sindaco che hanno perso al primo turno, Annalisa Muzio e Gianluca Bono, ma anche i consiglieri confermati, da Giovanna Miele a Matilde Celentano, Massimiliano Carnevale, Vincenzo Valletta, Massimiliano Colazingari. Mentre varcheranno per la prima volta la sala del Consiglio Roberto Belvisi, ingegnere civile della Lega, Dino Iavarone, il vice preside del Vittorio Veneto (la scuola frequentata da Vincenzo Zaccheo) eletto nella lista Latina nel cuore e, nella stessa lista, il consigliere informatico Alessio Pagliari. Insomma un'aula con tanta esperienza ma anche con tantissime energie nuove. Non resta che scoprirla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA