In ospedale con "codice verde", resta 8 ore in pronto soccorso e poi muore in sala operatoria

Martedì 18 Febbraio 2020 di Giovanni Del Giaccio
È morta a 66 anni in sala operatoria, dopo essere rimasta per circa otto ore in pronto soccorso. Era entrata domenica pomeriggio al "Santa Maria Goretti" di Latina, accompagnata dall’ambulanza, con forti dolori addominali che si trascinavano da qualche giorno e altri problemi gastro intestinali.

Le avevano assegnato il codice “4” - che con la nuova numerazione corrisponde al “verde” ed è considerato «urgenza minore». La situazione descritta era compatibile, la donna è stata visitata e le sono state prescritte le analisi del caso, poi è rimasta in osservazione fino a quando ci si è resi conto che la situazione stava precipitando. A quel punto il codice è diventato “2”, quello arancione di «urgenza».

La donna è stata portata in sala operatoria, dove i chirurghi vascolari hanno fatto il possibile per salvarla ma ormai era tardi. È morta probabilmente per una dissezione dell’aorta e i familiari, adesso, si chiedono se un intervento fatto per tempo avrebbe potuto salvarla.

Servizio completo sull’edizione cartacea o sul Messaggero digital © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi