Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Guerra alle cozze a Terracina, Nicola Procaccini boccia la risposta della Regione: "Il nostro mare non si tocca".

Locandina
di Rita Recchia
2 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Aprile 2016, 10:51

LATINA - Raggelante: così il candidato sindaco a Terracina Nicola Procaccini ha definito la risposta dell'assessore regionale all'Ambiente Mauro Buschini all'interrogazione del capogruppo alla Pisana di Fratelli d'Italia Giancarlo Righini sull'installazione di un allevamento di cozze di fronte le spiagge terracinesi.

"La risposta dell’assessore competente è stata, purtroppo, raggelante. La richiesta di concessione dello specchio acqueo avanzata dalla Mitiflegrea è risultata corredata da tutta una serie di autorizzazioni ottenute “a fari spenti” nel corso degli ultimi mesi. Al punto che sarebbe imminente l’inizio dei lavori per la costruzione dello stabilimento di 500mila mq nel tratto di mare posto ad appena un miglio dalla costa di Terracina".

"L’unica speranza di arrestare l’iter realizzativo è ora appesa all’annuncio dell’assessore Buschini di voler convocare comunque nella prossima settimana un tavolo di concertazione con il Comune di Terracina per valutare attentamente i diversi aspetti turistici, economici e ambientali che potrebbero risultare gravemente danneggiati dal mega allevamento intensivo di mitili bivalvi".

Per questo Procaccini si rivolge ai cittadini chiedendo "di far piombare sul previsto tavolo di concertazione una massiccia raccolta firme contraria a questo scempio. L’obiettivo è di raccogliere 10mila firme in sette giorni. Mi appello a tutti i terracinesi affinché si impegnino coraggiosamente in questo tentativo. Mi appello anche alle altre forze politiche e a gli altri candidati a sindaco affinché si adoperino per raccogliere le firme sotto qualunque simbolo o insegna. Basta che ci si muova, subito, uniti come forse non lo siamo stati mai". "Il nostro mare non si tocca” termina il suo appello.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA