Gli occhi di Falcone e Borsellino vegliano su Latina: ecco il murales

Venerdì 19 Luglio 2019
E' stato inaugurato questa mattina in occasione del 27° anniversario della strage di via D'Amelio il murales decidato a Paolo Borsellino e Giovanni Falcone. L'opera è stata realizzata dall'artista Cheone, al secolo Cosimo Caiffa, 30 anni, pugliese, chiamato a Latina dall’Associazione Jaf e dai cosentini di Rublanum che hanno presentato un progetto di pittura urbana nellambito del bando “Un mare di eventi” del Comune di Latina. Il murales è stato realizzato con le bombolette con la tecnica del foto realismo lungo il muro di via Cattaneo che costeggia il parcheggio delle ex autolinee oggi denominato Largo Peppino Impastato.


Questa mattina il sindaco di Latina, Damiano Coletta, il prefetto Maria Rosa Trio e il presidente dell'osservatorio regionale per la legalità Giampiero Cioffredi hanno scoperto la targa accanto al murales, "Le loro idee camminano sulle nostre gambe", perché come ha spiegato Cioffredi non bastano le inchieste dei magistrati e le indagini di polizia, carabinieri e guardia di finanza, per sconfiggere le mafie è necessario l'apporto di tutti, istituzioni, amministrazioni locali e soprattutto dei cittadini. «La lotta per la legalità e la giustizia è una lotta quotidiana, chi passerà di qui vedrà questo sguardo» ha aggiunto l'assessore Silvio Di Francia e con il pensierò andrà ai magistrati e agli uomini delle loro scorte che hanno dato la vita per la legalità e la giustizia. E' in quest'ottica che è nato il progetto di street art "Post", perché «la memoria è un vaccino contro l'indifferenza» ha spiegato il sindaco Coletta citando Liliana Segre.

 «Un'opera meravigliosa - ha commentato il prefetto Maria Rosa Trio - e spero che siano tanti i ragazzi che verranno a vederla» perché la sconfitta della mafia potrà arrivare solo con l'impegno di tutti, della società civile.

Un altro murales, realizzato da tre artisti di Latina è invece in corso di realizzazione lungo la parallela via IV Novembre. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma