FONDI

Non c'è pace a Fondi: incendio in una palazzina, paura in pieno centro

Domenica 5 Aprile 2020 di Barbara Savodini

Non c'è pace. Maxi incendio in via Nuoro questa mattina a Fondi, una delle città più interessate dall'emergenza coronavirus.

Le fiamme, da una prima ricostruzione, sarebbero partite da un cortocircuito in un appartamento all'interno del quale non c'era nessuno. Il rogo, però, è velocemente cresciuto minacciando anche le abitazioni vicine. Attimi di terrore nel quartiere con fumo e lingue di fuoco altissime. 
Polizia, carabinieri, Falchi di Pronto Intervento e ambulanza dell'Ares 118: tutti sono sopraggiunti sul luogo per far evacuare l'edificio pieno di persone tra adulti, anziani, animali e bambini. 


In alcuni momenti di panico si è davvero temuto il peggio. I vigili del fuoco sono poco dopo riusciti a spegnere l'enorme rogo e a mettere in sicurezza l'edificio in cui risiedono diverse persone, molte della stessa famiglia.
Tutti gli appartamenti attualmente sono stati evacuati e bisognerà attendere un sopralluogo tecnico per stabilire quali locali siano attualmente agibili e quali no.

Alcuni inquilini sono riusciti miracolosamente a recuperare le chiavi delle auto parcheggiate ai piedi del palazzo e a spostarle, evitando ulteriori danni.
«Si è sfiorata la tragedia - racconta Mario Marino, presidente dei Falchi di Fondi - tante persone non riuscivano a uscire, i danni sono ingenti».
Paura per quello che è avvenuto ma anche per ciò che avverrà in questo momento drammatico in cui l'unica soluzione per sopravvivere al virus è restare in casa. 

Solo dopo il sopralluogo si potrà stabilire quali sono effettivamente le abitazioni danneggiate, se davvero alcune dovessero risultare inagibili le famiglie interessate potrebbero aver bisogno del sostegno di tutta la città. Tante le persone soccorse, al momento, nonostante il grande spavento, sembra che stiano tutte bene.
 

 

Ultimo aggiornamento: 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani