Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fondi, tornano in scena gli "Attori per caso"

Fondi, tornano in scena gli "Attori per caso"
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 23:16

A Fondi torna in scena la compagnia di teatro popolare "Attori per caso", pronta a portare sul palco del centro multimediale Dan Danino di Sarra "Ju Paradis pò aspettà II", in programma dal 22 al 24 aprile, a partire dalle 20.30. La commedia, scritta e diretta da Antonella Roma, rappresenta l’ideale continuazione del primo atto, che ha esordito nel 2016 tra l’entusiasmo e il divertimento del pubblico, oltre che degli stessi attori.

«Recitiamo per metterci in discussione, per divertirci, divertire. E naturalmente per trasmettere un messaggio, spesso più di uno, al pubblico», spiegano dalla compagnia, come suggerisce il nome nata per caso nel 2015. «Chi ha visto il primo atto sa che, al termine dell’opera, con un miracolo San Pietro rimandò tutti i protagonisti, chi dopo essere stato in paradiso, chi dopo essere stato all’inferno, sulla Terra. I personaggi, però, in questa nuova sceneggiatura non ricordano nulla della loro esperienza nell’aldilà e hanno assunto nuove sembianze».

«Immancabile qualche riferimento al Sommo Poeta», aggiunge l’autrice. «Avevamo intenzione di celebrare il 700esimo anno dalla morte di Dante, ma purtroppo la pandemia ha notevolmente complicato i lavori, le prove e l’organizzazione generale. Ora, con la fine dello stato di emergenza, finalmente si torna in scena. Dopo questi due anni difficili, per noi è un piccolo grande sogno che si realizza. L’auspicio, naturalmente, è che il pubblico si diverta e apprezzi il lavoro».

«Arte, narrativa, scrittura, teatro. Dopo la pandemia l’attività culturale della nostra città è in gran fermento», il commento del sindaco Beniamino Maschietto e dell’assessore alla Cultura Vincenzo Carnevale. «Questo è un segnale positivo che, auspichiamo, sia uno stimolo anche per giovani e meno giovani con le stesse passioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA