Batteri fecali nel lago di Fogliano, la denuncia di Legambiente: «Scarichi fognari in uno scrigno di biodiversità»

Giovedì 30 Luglio 2020
Molti laghi del Lazio non godono di buona salute, quelli di Fondi e di Sabaudia sono risultati invasi di microplastiche, ma che anche il Lago di Fogliano, uno dei luoghi simbolo di latina e del Parco nazionale del Circeo, sia inquinato da colibatteri fecali lascia sgomenti. Purtroppo non è una novità e questo non fa che aggravare la situazione. La certificazione dell’inquinamento arriva grazie ai volontari di Legambiente Lazio e del circolo “Arcobaleno Pontino” di Latina-Sezze che l’altra settimana hanno effettuato prelievi e fatto analizzare i campioni in laboratori. I risultati sono chiari: «Emerge un carico microbiologico di origine fecale preoccupante, sia per quanto riguarda la presenza di Enterococchi Intestinali che di Escherichia Coli» spiegano gli ambientalisti che per protesta hanno dato vita a un blitz sulle rive esponendo lo striscione con la scritta “Che vergogna”.

«Il Lago di Fogliano è uno scrigno magnifico di biodiversità e un luogo magico per le attività di bird-watching, fa male sapere che arrivano nell’acqua del lago degli scarichi fognari di indiscutibile origine antropica e lo vogliamo mettere in evidenza con forza - dichiarano Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio e Gustavo Giorgi presidente del circolo Legambiente Arcobaleno Pontino di Latina e Sezze -. Non vogliamo di certo dare un giudizio complessivo sulla qualità dell’acqua ma da tre anni preleviamo e analizziamo la risorsa idrica che si immette in punto preciso nel lago costiero e per il terzo anno consecutivo abbiamo rilevato la presenza di scarichi non depurati, per i quali chiediamo che vengano indagate le cause e fatti degli approfondimenti. C’è bisogno qui di mettere in campo azioni congiunte e risolutorie con un contratto di lago per analizzare e risolvere le problematiche, creando una rete di stakeholders con cittadini, consorzio di bonifica, azienda del servizio idrico, amministratori locali, forze dell’ordine e Parco Nazionale del Circeo, per far partire un rilancio dell’area protetta finalizzato alla difesa della biodiversità e per la salvaguardia di questa splendida ricchezza territoriale».

Il lago di Fogliano è la porta settentrionale del Parco Nazionale del Circeo. Con i suoi 395 ettari è il più grande dei laghi costieri dell’area pontina. I suoi problemi derivano dal fatto che gli apporti di acqua dolce sono garantiti dai collegamenti con i canali Colmata e Mastropietro a nord e con Rio Martino a sud, tutti corsi d’acqua che soffrono gravi situazioni di inquinamento. © RIPRODUZIONE RISERVATA