Finto incidente per truffare l'assicurazione: quattro arresti dei carabinieri

Finto incidente per truffare l'assicurazione: quattro arresti dei carabinieri
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Dicembre 2021, 09:14

Quattro persone sono state arrestate per aver truffato una compagnia assicurativa con un finto incidente. I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Latina hanno eseguito le misure emesse dal giudice delle indagini preliminari. Gli arrestati devono rispondere di   falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità ideologica , fraudolento danneggiamento di beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona.

Gli indagati, nella notte del  6 ottobre 2016, avevano simulato un investimento pedonale ai danni di un’anziana donna e, con vari raggiri ed artifizi, riuscivano ad indurre in errore la compagnia assicurativa, della quale un proprio assicurato si era assunto falsamente la paternità dell’investimento, a liquidare alla vittima la somma di circa 600 mila euro.

I Carabinieri, attivati dopo che la compagnia assicurativa aveva avviato accertamenti antifrode successivi alla liquidazione, verificavano che sul luogo del presunto sinistro non erano intervenuta alcuna Forza di Polizia per rilevare l’incidente, né unità sanitaria, a differenza di quanto sostenuto nella richiesta di liquidazione. Inoltre, la donna si era recata al pronto soccorso di Latina solo il giorno successivo al presunto investimento, ove otteneva un referto medico con prognosi di 20 giorni con “diagnosi per fratture alle ossa nasali e traumi contusivi vari”.

Tra i vari documenti presentati per ottenere la liquidazione vi erano referti medici, successivamente disconosciuti per firma e contenuto da ignari medici del capoluogo pontino, ed una relazione di servizio redatta da un ex appartenente alle Forze di Polizia, senza che l’ufficio di polizia di appartenenza ne fosse al corrente, e dove questi sosteneva che, mentre era di passaggio dal luogo del sinistro, notava una donna a terra soccorsa da altre persone presenti causalmente ed accorse anche dal vicino pronto soccorso, in totale contrapposizione con l’accesso della vittima al pronto soccorso avvenuta esclusivamente il giorno successivo.

Per quanto concerne l’iter sanitario, alla vittima veniva riconosciuta un’invalidità permanente del 75% con notevole difficoltà deambulatoria. Dalla documentazione sanitaria emergevano anche spese per stampelle, bastoni canadesi ed una poltrona riabilitativa. A fronte di questa documentazione, i militari del Nucleo Investigativo effettuavano una serie di servizi di pedinamento con relative riprese video che consentivano di accertare che la donna godeva di ottima salute, almeno dal punto di vista motorio, infatti guidava tranquillamente la propria autovettura, si recava e trasportava a braccia la spesa alimentare da riporre all’interno del cofano della propria autovettura, in sostanza conduceva una vita normale.

Nel corso dell’attività investigativa i militari del Nucleo Investigativo hanno anche eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dalla  Procura della Repubblica a carico della vittima del sinistro, recuperando circa 500 mila euro, provento della liquidazione del presunto investimento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA