Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mistero sull'ex finanziere morto al Lido, risposte da autopsia e smartphone

Mistero sull'ex finanziere morto al Lido, risposte da autopsia e smartphone
di Marco Cusumano e Laura Pesino
2 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Gennaio 2018, 08:56 - Ultimo aggiornamento: 09:29

Si attende l'autopsia per avere le prime risposte sulla misteriosa morte di Alberto Liberti, 64 anni, trovato senza vita in un canale sul lungomare di Latina, tra Capoportiere e Rio Martino. Il corpo era in acqua, vicino alla Foce del Duca, nel canale che collega il lago di Fogliano al mare. A notarlo è stato un passante che si era affacciato dal parapetto lungo la strada, poi la corrente fortissima lo ha spinto dalla parte opposta, fino all'imboccatura del canale, sul versante del lago, dove il cadavere è rimasto bloccato da uno sbarramento sotto il ponte. 

L'uomo era uscito ieri mattina presto, come faceva spesso, prima delle 6. Alla moglie e al figlio aveva detto di volersi recare al cantiere della loro casa in ristrutturazione, in Q5, aspettando poi l'arrivo degli operai della ditta che da qualche tempo stava lavorando nell'abitazione. Sono però passate diverse ore e la moglie, non vedendolo rientrare, ha cominciato a chiamarlo. Il cellulare ha squillato a vuoto.

Secondo la polizia, per quanto la dinamica sia inusuale, potrebbe trattarsi di un suicidio. All'interno della villa bifamiliare in Q5, che la famiglia sta ristrutturando e che in quel momento era vuota, è stata ritrovata una mazzetta, un martello usato per lavori edili, sporca di sangue. Secondo una prima ricostruzione, ancora non suffragata da nessuna analisi, l'uomo potrebbe essersi colpito da solo sulla testa con quella mazzetta. Poi, ferito e sanguinante, sarebbe riuscito a salire in auto e a percorrere qualche chilometro fino a raggiungere il lungomare, dove si sarebbe gettato in acqua dal ponte della Foce del Duca.

Fondamentali saranno anche le analisi sullo smartphone della vittima, per questo l'operazione stata affidata a investigatori della polizia specializzati in informatica.


SERVIZIO COMPLETO SULL'EDIZIONE CARTACEA E SUL MESSAGGERO DIGITAL

© RIPRODUZIONE RISERVATA