Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Latina, decade il sindaco Coletta. Il Tar accoglie il ricorso: si deve rivotare in 22 sezioni

Elezioni, il Tar accoglie il ricorso: a Latina si deve rivotare in 22 sezioni. Ecco cosa dicono i giudici
9 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Luglio 2022, 16:20 - Ultimo aggiornamento: 18:20

Il Tar ha accolto il ricorso sulle elezioni di Latina. I giudici hanno annullato «le operazioni elettorali nelle sezioni oggetto di contestazione», ovvero le sezioni  24 , 40,  44, 60, 64, 68, 69, 73, 75, 76, 81, 83, 85, 86, 94, 95, 98, 103, 106, 107, 109, 110, e disponendo «la rinnovazione delle operazioni elettorali limitatamente a tali sezioni»

Il collegio era presieduto da Riccardo Savoia. I giudici hanno contestualmente «annullato il verbale di proclamazione degli eletti adottato dall'ufficio elettorale».

Nell'autunno scorso Damiano Coletta era diventato sindaco (alla testa di una coalizione formata dal movimento civico Lbc, dal Pd, dal Movimento 5 Stelle, battendo il candidato del centrodestra, l'ex parlamentare di An Vincenzo Zaccheo, vincendo al ballottaggio con numeri che neppure i suoi si aspettavano: 30.293 voti, il 54,90%, contro i 24.888 del suo avversario, che eveva raggiunto il 45,10%. Uno scarto di quasi 5.000 voti. Ma quindici giorni prima le cose erano andate molto diversamente. Il sindaco uscente si era fermato al 35,6 al primo turno, mentre il rivale aveva sfiorato la vittoria arrivando al 48,3%. Per vincere al primo turno gli mancavano poco più di mille voti. Adesso ri riparte da qui e si dovrà rivotare in 22 sezioni.

Qui l'antefatto del ricorso:
Latina, Tar assume in decisione il ricorso elettorale contro la vittoria di Coletta: sentenza attesa entro domani

Stando alla sentenza il sindaco e i consiglieri comunali decadono e il Comune sarà retto da un commissario fino alla rinnovazione della tornata elettorale del primo turno nelle 22 sezioni del capoluogo.

Latina, ecco quali sono le sezioni in cui si deve rivotare

«Entrando nel dettaglio - spiegano i giudici - il Collegio prende atto che dall’esame di quanto riportato nei verbali delle Sezioni “contestate”, in combinato con le risultanze della relazione prefettizia, risulta che in effetti in numerose Sezioni è riscontrabile la non corrispondenza tra il numero delle schede complessivamente autenticate e la somma delle schede utilizzate dagli elettori e di quelle autenticate ma non utilizzate».

Ecco cosa dicono i giudici rispetto alle sezioni contestate.
«- Nella Sezione 13 è riscontrata la corrispondenza tra schede firmate dagli scrutatori e bollate (994) e quelle autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura;
- Nella Sezione 20 risulta la corrispondenza tra le schede firmate dagli scrutatori e quelle complessive utilizzate e no utilizzate, pari a n. 1099; manca il dato delle schede bollate, ma la suddetta corrispondenza porta ad escludere irregolarità sostanziali;
- Nella Sezione 24 risultano firmate dagli scrutatori e bollate n. 798 schede, n. 2 in meno di quelle autenticate, utilizzate e no, rinvenute complessivamente dalla Prefettura (800);
- Nella Sezione 40 non risulta il numero delle schede firmate dagli scrutatori e bollate prima delle operazioni di voto, ma solo il numero delle schede autenticate successivamente nel corso delle operazioni di voto (6+1), per cui è impossibile verificare la corrispondenza con le complessive n. 701 schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura; Una scheda è risultata priva della firma dello scrutatore ma recante il bollo di sezione;
- Nella Sezione 41 nel verbale è indicato a pag. 10 che gli scrutatori hanno firmato 814 schede successivamente bollate e che sono state successivamente autenticate altre 6 schede per totali 820, pari al numero delle schede, autenticate e no, rinvenute dalla Prefettura; - Nella Sezione 44 a pag. 10 è indicato che gli scrutatori hanno firmato 798 schede successivamente bollate. Nel corso della votazione sono state autenticate ulteriori 6 schede. Il numero delle schede autenticate rinvenute dalla Prefettura, utilizzate e no, è di 798, per cui mancano al conteggio 6 schede;
- Nella Sezione 51 c’è corrispondenza tra le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente e quelle autenticate, utilizzate e no, rivenute dalla Prefettura (1169);
- Nella sezione 56, inspiegabilmente risultano 928 schede firmate dagli scrutatori e 1000 schede bollate (evidentemente comprensivo di ulteriori (72) firmate direttamente dal presidente); Il numero di 1000 schede, tuttavia, corrisponde alla somma delle schede autenticate rinvenute dalla Prefettura, utilizzate e no;
- Nella Sez. 60 risultano 1250 schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente. La somma delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura però (1251) è superiore di 1 unità rispetto a quelle firmate e bollate;
- Nella Sezione 64 gli scrutatori hanno firmato 891 schede bollate; Successivamente sono state autenticate altre 4 schede; Il numero delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura è di 891; mancano al conteggio quindi 4 schede autenticate; - Nella Sezione 68 lo scrutatore ha firmato 845 schede successivamente bollate. Nel corso della votazione risultano autenticate ulteriori 7 schede. Il totale delle schede autenticate, utilizzate e no rinvenute dalla Prefettura è di 846. Quindi mancano al conteggio 6 schede autenticate;
- Nella Sezione 69 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 988. Il totale delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura è 986. Inoltre, nella busta 5-ter/COM è stata rinvenuta n. 1 scheda autenticata da annullare. Manca al conteggio quindi n. 1 scheda autenticata;
- Nella Sezione 73 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 149. Le schede autenticate nel corso della votazione sono 24. Le schede autenticate utilizzate e no rinvenute dalla Prefettura sono 149. Mancano al conteggio 24 schede autenticate; - Nella Sezione 75 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1096. Nel corso della votazione sono state autenticate ulteriori n. 7 schede. Le schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura sono 1097. Quindi mancano al conteggio n. 6 schede;
- Nella Sezione 76 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1216. La somma delle schede autenticate è di 1215, n. 1 in meno di quelle autenticate. - Nella Sezione 81 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1212. Le schede autenticate successivamente sono 3. La somma delle schede autenticate, utilizzate e no, è di 1213. Quindi mancano al conteggio n. 2 schede;
- Nella Sezione 83 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 890. Le schede autenticate successivamente sono 6. La somma delle schede autenticate, utilizzate e no, è 890. Quindi mancano al conteggio n. 6 schede;

- Nella Sezione 84 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente: sono 900. Corrispondenti alle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura.;
- Nella Sezione 85 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1234. Nel corso della votazione sono state autenticate ulteriori n. 6 schede. La somma delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura e di 1241, una in più della somma complessiva delle schede firmate e di quelle autenticate nel corso della votazione;
- Nella Sezione 86 le schede firmate dagli scrutatori sono 897. Quelle bollate dal presidente 896. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 5 schede (4 + 1). Il totale delle schede autenticate, utilizzate e no, è 898 (compresa n. 1 scheda deteriorata e restituita). Quindi mancano al conteggio n. 3 schede autenticate;
- Nella Sezione 91 le schede firmate dagli scrutatori sono 1248 e quelle bollate dal presidente n. 1199. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 5 schede. Il totale delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla prefettura è 1199 corrispondenti a quelle bollate;
- Nella Sezione 92 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 758. Nel corso delle operazioni è stata autenticata n. 1 scheda. La somma delle schede autenticate, utilizzate e no rinvenute dalla Prefettura è 759;
- Nella Sezione 94 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 957. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 3 schede. La somma delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura è 961, una in più di quelle complessivamente autenticate da verbale;
- Nella Sezione 95 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 460. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 2 schede. Inspiegabilmente la somma delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura è di 859. Il numero dei votanti a verbale (pag. 29) è di 596;
- Nella Sezione 98 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1007. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 7 schede. Le schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura (comprese n. 9 schede prive di bollo ma recanti la firma dello scrutatore e utilizzate per il voto) sono 1008;
- Nella Sezione 103 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 494. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 5 schede. Le schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura sono 590, n. 91 in più di quelle risultanti autenticate a verbale;
- Nella Sezione 106 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 844. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 4 schede. Le schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura sono 844. Mancano nel conteggio n. 4 schede autenticate;
- Nella Sezione n. 107 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 591. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 2 schede. Le schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura sono 589. Mancano nel conteggio n. 4 schede autenticate;
- Nella Sezione 109 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1068. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 2 schede. Il numero delle schede autenticate utilizzate e no, è 1068. Mancano nel conteggio n. 2 schede autenticate;
- Nella Sezione 110 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 980. Nel corso delle operazioni sono state autenticate ulteriori n. 5 schede. Il numero delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura è 980. Mancano nel conteggio n. 5 schede autenticate;
- Nella Sezione 113 le schede firmate dagli scrutatori sono 600. Non è indicato il numero delle schede bollate dal Presidente. Il numero delle schede autenticate, utilizzate e no, è 600, coincidente con quelle firmate dagli scrutatori;
- Nella Sezione 114 le schede firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente sono 1113. Il numero delle schede autenticate, utilizzate e no, rinvenute dalla Prefettura coincide con quelle firmate dagli scrutatori e bollate dal presidente».

 «In ragione delle risultanze sopra riportate - spiegano i giudici -  si deve quindi affermare che non risulta soddisfatto il requisito della corrispondenza, tra le schede autenticate, quelle utilizzate per il voto e quelle non utilizzate, nelle seguenti Sezioni: 24, 40, 44, 60, 64, 68, 69, 73, 75, 76, 81, 83, 85, 86, 94, 95, 98, 103, 106, 107, 109, 110. Il fenomeno deve essere valutato di rilevanza tale da incidere potenzialmente sul corretto risultato del primo turno elettorale, a seguito del quale il candidato Sindaco Zaccheo non ha raggiunto la quota del 50% dei voti più uno, per uno scarto di circa 1071 voti».

«E’ evidente - dicono i giudici del Tar - infatti, che dietro l’apparente minimo scarto (tranne i casi eclatanti delle sezioni 40, 73, 95 e 103) tra il numero delle schede autenticate come risultante dai verbali delle Sezioni sopra citate, e quello delle schede autenticate adoperate effettivamente dagli elettori e di quelle non utilizzate, effettivamente rinvenute dalla Prefettura, può nascondersi il fenomeno della c.d. scheda ballerina (consistente nel far uscire dal seggio una scheda vidimata e non votata, sulla quale viene poi scritto il nome del candidato e consegnata all'elettore che, entrando nel seggio, ritira la scheda bianca assegnatagli, depositando nell'urna non già quest'ultima ma quella consegnatagli all'esterno del seggio) destinato a incidere sulle correttezza del voto in maniera esponenziale e non determinabile a priori. Il numero delle mancate corrispondenze, per come esposto, poi, conduce alla reiezione delle eccezioni giustificative addotte dalle parti resistenti, le quali, al più, riescono a giustificare solo alcune delle ridette difformità, senza tuttavia riuscire capaci di inficiare la sostanza dell’assunto complessivo dei ricorrenti».

« In conclusione - scrivono i giudici nella sentenza - il ricorso va accolto nei limiti di cui in motivazione disponendosi: - l’annullamento delle operazioni elettorali svoltesi nelle sezioni nn. 24, 40, 44, 60, 64, 68, 69, 73, 75, 76, 81, 83, 85, 86, 94, 95, 98, 103, 106, 107, 109 e 110, con rinnovazione di dette operazioni limitatamente a tali sezioni, ricorrendo nella fattispecie l'ipotesi prevista, in via eccezionale, dall'art. 77 del d.p.r. n. 570/1960 (mancanza o annullamento delle elezioni in alcune sezioni)».

A questo punto, a meno di possibili ricorsi al Consiglio di Stato si tornerà a votare, probabilmente in autunno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA