Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Droga a fiumi: dopo i sequestri dei giorni scorsi la polizia di Fondi arresta un pusher venezuelano

Droga a fiumi: dopo i sequestri dei giorni scorsi la polizia di Fondi arresta un pusher venezuelano
di Barbara Savodini
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Aprile 2017, 12:14

 Droga a fiumi nelle ultime settimane sul territorio di Fondi. Dopo l'arresto di un'estetista del Salto con 10 chili di hashish da parte dei carabinieri, e la maxi operazione della Fiamme Gialle che ieri ha portato ad eseguire quattro misure cautelari, anche gli agenti del commissariato di Largo Evangelista hanno sequestrato considerevoli quantità di stupefacenti.

A finire in manette, in quanto trovato in possesso di 177 grammi tra “fumo” e marijuana già suddivisi in dosi e quindi pronti per lo spaccio, Luis Di Rocco, un ragazzo di 31 anni originario del Venezuela ma da tanti anni residente a Fondi. Gli agenti hanno sequestrato anche 500 euro considerati provento dell'attività di spaccio e due bilancini di precisione oltre al materiale utilizzato per il confezionamento. Secondo i poliziotti, il pusher era attivo sulla piazza di via Madonna delle Grazie ed era solito passeggiare con un cane di grossa taglia per difendersi da eventuali situazioni di pericolo. Gli agenti lo hanno sorpreso a vendere delle dosi e quando l'hanno perquisito hanno trovato hashish e marijuana; un successivo controllo ha permesso di rinvenire altra droga a casa. Il 31enne è stato tradotto presso la casa circondariale di Latina. 

Lavorano su più fronti le forze dell'ordine che stanno cercando di incastrare negli ultimi giorni sia i piccoli pusher che i grossi fornitori. Dalle indagini e dai numerosi sequestri, sembra comunque farsi largo l'ipotesi di un livello superiore in grado di coordinare più sodalizi criminali attivi sul territorio nel settore del narcotraffico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA