Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da domani poliziotti armati di taser a Latina e provincia

Da domani poliziotti armati di taser a Latina e provincia
di Vittorio Buongiorno
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Luglio 2022, 08:40

Non ci si può sbagliare. Per questo il taser è giallo, un bel giallo acceso. E' la pistola elettrica che da domani sarà in dotazione ai poliziotti di pattuglia anche a Latina e nelle cinque città della provincia sede di commissariato. Giallo, così da non confonderlo con le pistole in dotazione ed evitare tragici errori. A differenza delle armi da fuoco il taser spara delle scariche elettriche che provocano una temporanea paralisi muscolare. In Italia è stato introdotto a marzo in 18 città e da domani arriva anche a Latina e a Frosinone.

CHI LO AVRA'
«Abbiamo informato i procuratori della Repubblica di latina e di Cassino e i due aggiunti di questa novità» spiega il questore Michele Spina. A differenza delle armi da fuoco il taser non sarà personale ma è stato dato in dotazione ai reparti, viene custodito in armeria e assegnato ad ogni turno al personale individuato. Per questo da domani mattina lo avrà un pattuglia delle volanti per turno nel capoluogo e nei cinque commissariati. Alcuni taser sono stati dati in dotazione anche alla squadra mobile nel caso dovesse durante una operazione di polizia giudiziaria trovarsi davanti una persona in uno stato di agitazione tale da mettere in pericolo se stessa, gli altri e gli agenti, così da poterla mettere in condizione di non nuocere.
Le regole su come e quando usarla sono fissate dal protocollo elaborato dal Minitero degli Interni. Il protocollo prevede che gli operatori di polizia seguano cinque passaggi obbligatori: si va dall'individuazione del pericolo, alla dichiarazione di essere armato di pistola elettrica, all'esposizione dell'arma, ad una scossa di avvertimento puntando il taser fino al lancio dei dardi. Sì, perché premendo il grilletto dal taser partono due dardi agganciati a due cavi metallici che formano un circuito elettrico che si chiude al momento dell'impatto con il corpo della vittima: è in quel momento che viene innescata la scarica elettrica che di fatto paralizza chi viene raggiunto.
Gli agenti della questura che lo useranno hanno tutti ricevuto la formazione prevista, mentre i carabinieri stanno ancora seguendo il corso di formazione e lo avranno in dotazione più avanti.

COSA VUOL DIRE
Il nome taser è l'acronimo del titolo di un romanzo per ragazzi scritto nel 1911 da Victor Appleton: Tom A. Swift Electric Rifle, ovvero Il fucile elettrico di Tom A Swift. Il libro raccontava le avventure di un ragazzino nell'Africa Nera che per difendersi da cannibali e animali feroci aveva inventato per l'appunto un fucile elettrico in grado di paralizzarli, a lui pensarono gli inventori di questa pistola elettrica che fu sviluppata in America negli anni 70 dalla Taser International.

© RIPRODUZIONE RISERVATA