Sanità privata e Rsa senza contratto da 13 anni, sciopero e appello alla Regione Lazio

Martedì 26 Maggio 2020

Sono da 13 anni senza contratto, preparano lo sciopero nazionale del 18 giugno e intanto chiedono sostegno a presidente e assessore alla sanità della Regione Lazio. Sono i dipendenti della sanità privata e delle Rsa che attraverso i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di scendere in piazza con lo slogan «Diamo salute, chiediamo rispetto»

Nella lettere a Zingaretti e D'amato si ricordano i rinvii della firma, quattro rinnovi mancati e «le pretestuose resistenze delle parti datoriali Aiop ed Aris»  ma soprattutto come: «In questi mesi tutti i lavoratori impegnati in sanità hanno dato un contributo immenso e tra questi quelli che operano nel privato accreditato e nelle Rsa hanno ancor di più scontato le difficoltà in termini di approvvigionamenti di presidi di protezione e di contagio superiori a quelle riscontrate nel pubblico. Sempre restando nel periodo emergenziale, sotto il profilo economico la regione nei mesi di marzo, aprile e maggio ha disposto affinché alle medesime imprese fossero garantite le necessarie risorse in acconto per sopperire al calo dei ricoveri ordinari, e per altre disponendo per ulteriori risorse ed incrementi di tariffe legate alla tipologia di pazienti CoViD. Gà con la nota dello scorso 14 maggio,   a seguito dello stato di agitazione e del blocco degli straordinari abbiamo diffidato tutte le strutture accreditate del Lazio dal ricorrere a forme surrettizie di lavoro e a utilizzare personale non direttamente dipendenteper l’erogazione di prestazioni sanitarie e sollecitato la  regione a svolgere appieno il proprio ruolo di committente nei confronti della imprenditoria privata che eroga un servizio per conto del pubblico».

Vedi anche >> #curatidichiticura, la protesta dei giovani medici senza borse di specializzazione

Va considerato che ono 25 mila i dipendenti delle strutture private accreditate con la regione Lazio «che quotidianamente sono impegnati in tali strutture ad erogare prestazioni sanitarie eguali a quelle che forniscono i dipendenti delle Asl, con una sola differenza, un contratto scaduto da 13 anni per le strutture private e di 8 per le Rsa. Una vergogna che non può più essere sopportata». 

Cgil, Cisl e Uil chiedono «di mettere in atto tutte le iniziative, anche di carattere pubblico, utili a facilitare e portare a conclusione una vertenza trascinatasi da oltre trentuno mesi di trattativa e che non può essere ulteriormente rinviata in danno di tutti i trecentomila dipendenti interessati al rinnovo contrattuale della sanità privata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani