PENSIONI

Pensione a casa con i Carabinieri, anche in provincia l'iniziativa Poste-Arma

Martedì 7 Aprile 2020

Attivo anche in provincia di Latina il servizio di pensione a domicilio, consegnata dai Carabinieri, per chi ha più di 75 anni e  la riscuote in contanti. L'iniziativa di Poste Italiani e Arma dei Carabinieri sarà operativa finché dura l'emergenza  coronavirus. L'opportunità è offerta a tutti pensionati che abbiano - appunto - almeno 75 anni, e che non abbiano già delegato altre persone alla riscossione, che non
abbiano un libretto o un conto postale dove accreditare direttamente la pensione, e che non vivano con familiari o non ne abbiamo nelle vicinanze della loro abitazione.

La collaborazione tra le due realtà che hanno la presenza più capillare nel Paese, Poste Italiane e l'Arma, che hanno lanciato questo servizio siglando una convenzione, «è frutto della consapevolezza di entrambi - come sottolineano insieme - di
ricoprire un ruolo strategico a sostegno del Paese e conferma la loro vocazione alla prossimità verso i territori e le categorie più fragili», in un momento così difficile in particolare per chi è più debole e più esposto ai rischi, come possono esserlo
gli anziani soli. È una iniziativa che nasce nell'ambito delle misure per «evitare gli spostamenti fisici delle persone», per proteggere dal rischio di un contagio «in particolare i soggetti a maggior rischio», ma anche - nelle intenzioni di Poste e dei
Carabinieri - per tutelare i pensionati che ne beneficeranno «dalla commissione di reati a loro danno, quali, truffe, rapine e scippi».

La consegna della pensione a domicilio va richiesta a Poste Italiane delegando per iscritto i Carabinieri al ritiro: per avere ogni informazione i pensionati possono contattare il numero verde 800.556670 messo a disposizione da Poste o chiamare
la più vicina stazione dei Carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani