CORONAVIRUS

Coronavirus, a Latina 14 nuovi casi e un morto. Quaranta i guariti

Lunedì 6 Aprile 2020

Quattordici nuovi contagiati e un nuovo decesso, sono i numeri odierni dell'emergenza Coronavirus in provincia di Latina riportati nel bollettino della Asl.  I casi totali di contagio salgono a 373. I nuovi casi «sono distribuiti - spiega la Asl - nei comuni di: Aprilia (4), Latina (3), Fondi (2), Itri (2), Cisterna (2), Formia (1)», mentre la nuova vittima, la diciassettesima dall'inizio dell'emergenza è una donna di Fondi che era ricoverata «presso il Reparto di Medicina Covid dell’Ospedale S.M. Goretti di Latina». 

Coronavirus, un altro morto a Fondi: è la settima vittima in città                                                                                                        
Al momento i pazienti ricoverati sono 116. Di questi sei si trovano in Terapia Intensiva al Goretti. Dei nuovi casi solo due sono stati ricoverati, mentre gli altri 12 si trovano in isolamento domiciliare.  
Complessivamente, sono 1.858 le persone al momento in quarantena, mentre sono salite a 3.832 quelle che hanno terminato il periodo di isolamento.
Coronavirus Lazio, mappa del virus: nessun malato in 156 Comuni

La Asl torna a chiedere un maggiore rispetto delle norme. «Visto l’andamento degli ultimi giorni, si ritiene che i risultati conseguiti nelle settimane precedenti abbiano determinato forme di allentamento di quanto previsto in materia di rispetto delle vigenti disposizioni di distanziamento sociale - si legge nel bollettino - Si rammenta che, anche a fronte di una riduzione nel numero di nuovi positivi, è sempre necessario mantenere alta l’attenzione affinché il contagio venga concretamente fermato. Anche piccoli momenti di disattenzione possono determinare un rilancio della diffusione del Covid-19, costringendo in casi estremi ad adottare misure ancora più restrittive di quelle attuali. Pertanto si raccomanda ai cittadini di tutta la provincia di rispettare rigorosamente le disposizioni ministeriali in materia di mobilità delle persone, cercando di evitare di uscire dal proprio domicilio se non per i motivi specificati dalle stesse disposizioni (motivi di salute, lavoro o rientro al proprio domicilio/residenza). Allo stesso modo occorre rispettare rigorosamente quanto stabilito in materia di rispetto delle distanze, lavaggio delle mani e divieto di assembramento. Si ricorda che, allo stato, l’unico modo per evitare la diffusione del contagio consiste nel ridurre all’essenziale i contatti sociali per tutta la durata dell’emergenza».
 

Ultimo aggiornamento: 20:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA