CORONAVIRUS

Coronavirus, nel dopo quarantena più auto in giro e tornano gli incidenti stradali

Lunedì 25 Maggio 2020

Finita la quarantena si torna alla “normalità”. Tanta gente in giro e anche sulle strade, al volante delle automobili. Così alla centrale operativa dell’Ares 118 di Latina - dove gli incidenti stradali sembravano “dimenticati” - ieri è stata giornata piena. Tre i casi più gravi, altrettanti quelli lievi, tutti legati a traumi della strada.

I più seri in mattinata. Il primo tra Sermoneta e Bassiano, dove è stato investito un ciclista appartenente a un gruppo che era in bici per la classica uscita domenicale. Erano circa le 10,30 quando un automobilista che percorreva la provinciale ha preso uno dei ciclisti. L’impatto è stato violento e un ciclista di 47 anni, di Sezze, ha avuto la peggio. Dal 118 si è deciso di inviare l’eliambulanza, date le condizioni del ferito. Per fortuna la situazione, alla fine, è meno grave del previsto. Ha riportato diverse fratture ma non correrebbe pericolo di vita. L’elicottero lo ha trasferito al “San Camillo” di Roma, dove è stato ricoverato per il politrauma della strada. 
È andata peggio a una donna di 45 anni, anche lei in bicicletta, investita in viale Le Corbusier a Latina. Alla guida dell’auto che l’ha travolta un uomo di 97 anni che è rimasto sotto shock. La donna è stata soccorsa dall’ambulanza e trasferita al “Santa Maria Goretti” di Latina. I medici si sono riservati la prognosi in via precauzionale. Le sue condizioni sono stazionarie. La dinamica dell’incidente è stata ricostruita dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Latina.

Vedi anche » L'eliambulanza, con Max Biaggi a bordo, poco prima di partire per il "San Camillo"

Incidente all’ora di pranzo anche a Formia, con due auto coinvolte, e uno dei feriti portato inizialmente al “Dono Svizzero” e poi trasferito in elicottero al “Santa Maria Goretti” di Latina. Anche in questo caso le condizioni non sembrano particolarmente gravi, ma si è preferito per ulteriori accertamenti rivolgersi all’ospedale del capoluogo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA