Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, il caso Fondi: 38 contagi, secondo comune laziale dopo Roma

Coronavirus, a Fondi 33 casi, secondo comune del Lazio per positivi dopo Roma
di Barbara Savodini
3 Minuti di Lettura
Martedì 17 Marzo 2020, 11:39 - Ultimo aggiornamento: 16:54

Continua a crescere  a Fondi il numero dei contagiati. Dai 33 di ieri si è passati oggi a 38 casi conclamati di Covid-19 e la città, seconda solo a Roma per numero di casi risultati positivi al coronavirus in tuttoo il Lazio, ha preso coscienza dei comportamenti irresponsabili di tante persone. E non solo, purtroppo, di chi esce ignorando il decreto Conte e l'ancor più restrittiva ordinanza emanata ieri dal sindaco facente funzioni Beniamino Maschietto. «I pazienti non rispettano i provvedimenti di isolamento fiduciario è il grido d'allarme rubato a chi lavora giorno e notte in ospedale ne salviamo dieci e ne vengono infettati cento se continuiamo così».

​Coronavirus Latina, sesto morto: si tratta di una donna di Cremona in visita a Minturno

Coronavirus, a Latina i contagiati salgono a 96. Sedici curati con farmaco anti artrite reumatoide
 





Di racconti come questo, intercettati dai pazienti che loro malgrado si sono trovati a frequentare il pronto soccorso del San Giovanni di Dio per motivazioni estranee al coronavirus, ne circolano a centinaia. I sanitari hanno il divieto assoluto di raccontare ciò che sta succedendo nella struttura di via San Magno ma il sentimento è ben percepibile da chi vive, anche per poche ore, l'ospedale.

È di ieri il caso di una ragazza che credeva di essere negativa perché così le era stata detto ed è risultata irreperibile alla chiamata del pronto soccorso. Per rintracciarla, perché per motivazioni da chiarire alla fine è risultata positiva, si sono rese necessarie le forze dell'ordine.

Un'altra donna, con con un caso di Covid-19 in famiglia, è stata vista in giro mentre i familiari di altri due coniugi, sebbene fosse stato detto loro di mantenere le distanze per via di un sospetto piuttosto fondato, continuavano ad avvicinarsi senza precauzioni e poi ad andare in giro. Oggi marito e moglie sono positivi e i figli in isolamento ma, nel frattempo, i contatti non sono mancati.

Il caso di domenica mattina, insomma, di un uomo riconosciuto a fare la spesa e poi denunciato benché in quarantena, non è isolato. Più responsabilità, più rispetto e più consapevolezza è quanto viene chiesto dagli ambienti sanitari perché l'ospedale di Fondi sta ormai raggiungendo la portata massima. Tra pazienti sospetti e positivi in attesa di trasferimento le stanze sono piene e non restano che i corridoi.
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA