Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Droga nella zona dei pub, Maurizio De Bellis condannato a 5 anni

Droga nella zona dei pub, Maurizio De Bellis condannato a 5 anni
di Elena Ganelli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Luglio 2022, 11:41

Si è concluso con due condanne a cinque anni di carcere il processo a carico di Maurizio De Bellis e Ruki Marc Villalobos, arrestati entrambi a distanza di qualche giorno con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

Il 54enne di Latina e il 25enne di origine filippina ma residente nel capoluogo pontino sono comparsi ieri mattina avanti al giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Latina Mario La Rosa che ha accolto la richiesta della difesa, rappresentata dagli avvocati Oreste Palmieri e Giancarlo Vitelli, di rito abbreviato.
I fatti oggetto del processo risalgono a dicembre scorso quando una pattuglia dei carabinieri nel corso di un controllo serale di routine nella zona dei pub a Latina aveva notato Villalobos, già conosciuto alle forze dell'ordine, che si aggirava con fare sospetto in prossimità di alcuni locali: il giovane alla vista dei militari si era allontanato ma gli uomini dell'Arma lo avevano seguito e fermato in un parcheggio retrostante un locale: Sottoposto a perquisizione il ragazzo era stato trovato in possesso di oltre mezzo chilo di cocaina e di alcune dosi di hashish già suddivise e pronte per lo spaccio.

La droga, il cui valore complessivo ammontava a circa 40mila euro, secondo gli investigatori era destinata ai frequentatori dei locali della movida latinense. Il 25enne - con già a carico una condanna a sei anni di carcere per il possesso di circa 1900 dosi di marijuana - era stato quindi posto agli arresti domiciliari.

A distanza di una decina di giorni era finito in carcere con l'accusa di cessione di sostanze stupefacenti Maurizio De Bellis: l'uomo da qualche giorno si nascondeva a casa di un'amica a Campo Boario ed è lì che gli era stata notificata l'ordinanza di custodia cautelare: secondo gli investigatori era stato lui a consegnare l'involucro con la cocaina a Villalobos.

Il 54enne era già conosciuto alle forze dell'ordine essendo stato arrestato nel 2013 nell'ambito dell'operazione Balena bianca' che aveva smantellato una vasta rete di spaccio mentre nel 2016 gli era stato confiscato un patrimonio del valore di circa 2 milioni di euro quale frutto di attività illecite. Ieri il processo con rito abbreviato per beneficiare dello sconto di un terzo della pena.
Il pubblico ministero Giuseppe Milian o al termine della sua requisitoria ha chiesto una condanna a 8 anni di carcere per De Bellis e a sei anni per Villalobos. L'avvocato Vitelli ha invece chiesto per il 25enne il minimo della pena e la concessione delle attenuanti mentre l'avvocato Palmieri ha chiesto l'assoluzione per il suo assistito. Il giudice per l'udienza preliminare al termine della camera di consiglio ha ridotto la pena a cinque anni di carcere ciascuno e 30mila euro di multa.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA