Cittadinanza onoraria a Liliana Segre e Sami Modiano: il Consiglio comunale di Latina approva all'unanimità

Giovedì 28 Novembre 2019
Il Consiglio comunale di Latina ha approvato all'unanimità la mozione del consigliere regionale Pd Enrico Forte e quella presentata dalla maggioranza di Latina bene Comune che impegnano il sindaco Damiano Coletta e l'amministrazione comunale «ad avviare le procedure per il conferimento della cittadinanza onoraria della città di Latina» alla senatrice a vita Liliana Segre e a Sami Modiano, ebreo italiano nato a Rodi, deportato e come la Segre sopravvissuto all'Olocausto. Dopo un lungo dibattito durato diverse ore maggioranza e opposizione hanno votato compatte per appello nominale.

La prima mozione era stata proposta vista «la rilevanza che la figura della senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta alla tragedia dell’Olocausto, riveste nella memoria storica del nostro Paese», considerata «la necessità di rafforzare la consapevolezza, l’educazione al confronto ed alla tolleranza» e «la grande tradizione e la propensione che la città di Latina ha sempre dimostrato verso l’accoglienza e l’ inclusione». 


«Con questo conferimento della cittadinanza onoraria - ha detto il sindaco Damiano Coletta - con gli incontri fatti nelle scuole con Sami Modiano, con Federica Angeli, stiamo dando segnali rispetto al mettere al centro il valore del rispetto, della tolleranza, della solidarietà, valori imprescindibili che fanno parte della nostra storia. Quello delle leggi razziali è un periodo buio da cui dobbiamo prendere le distanze», ed ha ricordato che «il 10 dicembre, giornata universale diritti dell’uomo, io sarò presente alla manifestazione a Milano, di cui sono tra i promotori, a sostegno di Liliana Segre ed ho coinvolto i sindaci di tutta provincia».
   © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani