Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'afa non diminuisce, Latina nella top ten delle città più calde d'Italia

L'afa non diminuisce, Latina nella top ten delle città più calde d'Italia
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 17:31

L'afa non arretra e per la terza giornata consecutiva le città da bollino rosso saranno 19, sulle 27 considerate nella rilevazione del ministero della Salute sulle ondate di calore. Il bollino rosso, che corrisponde al livello più alto (3) dell'allerta caldo, riguarderà anche domani soprattutto le 10 città dell'Italia centrale in rosso da almeno due giorni: Ancona, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Perugia, Pescara, Rieti, Roma, Viterbo. Ancora otto le città in rosso nel Sud e nelle isole: Bari, Cagliari, Campobasso, Catania, Messina, Napoli, Palermo e Reggio Calabria.

A Nord, Bologna è invece l'unica città con il bollino rosso. Per domani si prevede inoltre che aumenteranno da quattro a sei le città con il bollino arancione, che corrisponde al livello di allerta 2. Il nuovo livello di allerta delle ondate di calore dovrebbe infatti scattare domani a Milano e Venezia; resta confermato in altre quattro città settentrionali: Bolzano, Brescia, Trieste e Verona. Si trovano a Nord anche le due uniche città ancora in giallo. Genova e Torino.

Le ondate di calore, rileva il ministero della Salute sul suo sito, si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche, osserva il ministero, «possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA